Banner Top
Banner Top

“Abbiamo cambiato il mondo. È tempo di interpretarlo”

Marcello Veneziani a Vasto. È sempre un evento particolare accogliere un uomo di cultura e sentirlo parlare di “cento maestri sconvenienti”, gli imperdonabili che hanno fatto la storia dell’umano.

Dialogando con Davide D’Alessandro, che ha saputo trovare un pregevole varco tra autunno e inverno al suo “Festival di Cultura, Filosofia e Politica”, Veneziani è andato oltre il suo ultimo libro, edito da Marsilio, per spaziare tra antico, moderno e contemporaneo, per riaffermare la necessità di una tradizione, di un confine, di una memoria, di un pensiero caldo e vivente, per compensare la potenza tecnologica di un mondo che tramonta, che non lo soddisfa, ma che pure vive. Non per cambiarlo ma per interpretarlo, da sismografo intelligente e arguto qual è.

Ha ribaltato la tesi di Marx, ha affrontato i giganti della letteratura e della filosofia, ha ricordato che la vita per espandersi non può ridursi a contemplare l’ultimo modello di telefonino in vetrina, ha sorriso della politica attuale e dei tanti finti leader che calcano il palcoscenico senza lasciare alcuna traccia.

Per Veneziani, l’odiernità, felice termine da lui coniato, è la malattia da cui guarire. Tutto sempre creato per non andare oltre questa sera, mentre l’uomo ha bisogno di guardare indietro e avanti, di una visione e di un ricordo, di uno spazio e di un tempo, di un altro tipo di vita.

Applausi convinti e un caloroso arrivederci, perché l’uomo ha bisogno anche di questi incontri per non smettere di crescere ed elevarsi.

  • IMG-20171216-WA0000
  • IMG-20171216-WA0001
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.