Banner Top
Banner Top
Banner Top

Adolescenza e alimentazione

L’adolescenza è il periodo più difficile della vita perché è il periodo del cambiamento, non solo crescita ma anche paura e incertezza. La paura di non piacersi porta spesso gli adolescenti a provare a trasformare e manipolare il loro corpo. I giovani cambiano il loro corpo con abbigliamento, piercing, tatuaggi, attività fisica e sempre più spesso con l’alimentazione eccessiva o ridotta. Questo è un periodo in cui si ha un profondo bisogno di indipendenza e autonomia in tutti gli aspetti della vita e spesso il cibo in questa fase della vita ha significati legati soprattutto alle relazioni con la famiglia e con i coetanei. L’adolescenza è il periodo in cui vi è un aumento della massa fisica, i giovani che devono perdere peso o che vogliono rimanere in forma  devono praticare attività fisica e limitare e non necessariamente eliminare gli alimenti ricchi di zuccheri, grassi o sale, allargare la gamma di ciò che si mangia scoprendo gusti e sapori nuovi; chi mangia male in genere mangia sempre le stesse cose.

Nutrirsi bene durante l’adolescenza è fondamentale per la salute di un adulto, per evitare malattie come l’obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ecc., però è importante che il regime alimentare tenga conto anche della fragilità psicologica dell’età adolescenziale per evitare l’insorgenza di disturbi come anoressia e bulimia. Se l’adolescente non è abituato a mangiare correttamente dall’infanzia o la ribellione tipica dell’età lo porta a volere solo cibi spazzatura, non è necessario creare conflitti, l’esempio della famiglia è la strategia migliore e anche se che durante questo periodo molto spesso i giovani tendono a seguire schemi diversi da quelli familiari, decidendo autonomamente con scelte condizionate dalla pubblicità o dalla necessità di omologarsi al gruppo e i fast-food fanno da padrona con alimentazione ricca di calorie e grassi di origine animale, non bisogna allarmarsi se questo tipo di alimentazione è limitata ad un paio di volte a settimana. Uno degli errori più frequenti dei ragazzi è trascurare la prima colazione, con squilibri metabolici che tendono a rendere molto difficile il controllo del peso con un impatto sul rendimento scolastico, inoltre le ragazze per paura di prendere peso saltano il pranzo, seguono diete squilibrate e gli orari dei pasti sono spesso irregolari, quindi le scelte alimentari qualitative e quantitative in questa fase della vita diventano importanti; metà del fabbisogno energetico deve provenire da un’alimentazione ricca di amido e cioè ricca di cereali e legumi, la presenza dei grassi non deve essere superiore al 30% preferendo acidi grassi di origine vegetale, in particolare olio extravergine d’oliva. Importante è anche l’assunzione di ferro e calcio per la crescita muscolare e ossea.

Per cui anche se l’adolescente deve mangiare di più, è importante che lo faccia aumentando le porzioni di ciò che fa bene, quindi per educare i ragazzi all’importanza di una sana e costante alimentazione è fondamentale  che la famiglia impartisca regole facili e chiare. Durante il pranzo e la cena, fin da piccoli, è importante assaggiare un po’ di tutto, variando spesso i cibi, se è necessario una dieta è fondamentale che sia personalizzata e consecutiva ad una visita da un nutrizionista o dietologo, bisogna cercare di non far mangiare i ragazzi da soli, ma condividere il momento del pasto con il resto della famiglia, perché il pasto è anche un momento di convivialità e comunicazione. I genitori devono costituire un buon esempio, infatti il modo in cui mangiano e in cui stanno attenti al loro corpo è un potente messaggio per i figli, i genitori devono aiutarli a star bene con se stessi e le loro forme; devono evitare di lamentarsi del proprio corpo davanti a loro e cercare di avere in casa cibi che siano sani. Insomma per aiutare i ragazzi a mangiare in modo sano è importante intervenire sulla conoscenza, molto spesso non sanno quali siano gli alimenti sani e quelli meno e non conoscere ciò che può nuocere alla salute o al peso corporeo porta a scegliere alimenti senza preoccupazioni, ignorandone le conseguenze.

D.ssa Manuela Di Silvio
Consulente nutrizionale- Farmacista
Rif. Pag. fb Dr.ssa Manuela Di Silvio
Nutrizione consulenza

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.