Banner Top
Banner Top

Ludovica Cieri, ecco l’asso dei 5 Stelle

Ludovica Cieri

Ha 41 anni, è laureata in scienze della comunicazione ed è consulente aziendale. Ludovica Cieri, che i sondaggi della vigilia davano per favorita, è stata eletta candidata sindaco del Movimento 5 stelle. La sua designazione è arrivata alle 12.18 dopo lo scrutinio delle schede ed è stata accolta con un lungo applauso dagli attivisti radunati nel quartier generale di via Delle Gardenie. Strette di mano, abbracci e un brindisi con il senatore Gianluca Castaldi, il consigliere regionale Pietro Smargiassi e la eurodeputata Daniela Aiuto, hanno salutato l’elezione della giovane militante che, non senza tradire una certa emozione, ha regalato ai suoi sostenitori il suo primo discorso da candidata sindaco.

“So cosa mi aspetta, passeranno la mia vita ai raggi x”, ha esordito, “ma questo non mi spaventa, così come non mi fa paura il gossip elettorale. Diranno che per amministrare una città ci vogliono le giuste competenze. A queste persone rispondo che ci vuole tanto buon senso, onestà e la volontà di non favorire interessi di parte. Il nostro programma è nato dall’ascolto attivo dei cittadini, dal lavoro di un gruppo di gente semplice e libera. Il nostro è un modo diverso di fare politica. Se mio padre fosse qui sarebbe orgoglioso della mia scelta. Vi ringrazio di cuore, sono onorata”.

La candidata sindaco si è anche presentata.

“Sono nata a Palmoli, ma a 4 anni mi sono trasferita a Vasto”, ha raccontato, “provengo da una famiglia di persone perbene. Mio padre, che è stato sindaco di Celenza sul Trigno, mi ha insegnato il rispetto per le istituzioni”.

La votazione è iniziata alle 10 del mattino per concludersi a mezzogiorno. In due ore gli attivisti aventi diritto al voto, in tutto 54, hanno effettuato la loro scelta introducendo la loro scheda nell’urna.

Quattro i competitor, uno in meno rispetto ai cinque previsti inizialmente per via del ritiro della candidatura di Alessandro La Verghetta. Oltre a Ludovica Cieri, si sono candidati Riccardo Bonacasa, 44 anni, consulente informatico, Roberto Reale, 45 anni, agente immobiliare e Gian Carlo Denicola, 53 anni, geometra.

Alle 12 è iniziato lo spoglio delle schede che è durato poco meno di un quarto d’ora. Alla Cieri sono stati attribuiti 39 voti, a Bonacasa 2, Reale ha ottenuto 7 preferenze e Denicola 3. Si sono astenuti due attivisti, mentre una scheda è stata annullata perché su di essa erano stati espressi quattro voti, uno per ogni candidato. Il risultato della votazione è stato sottolineato da un lungo applauso.

“Sono convinto che Ludovica sia la persona giusta al posto giusto”, ha commentato Smargiassi, “sono anche convinto che i vastesi vedranno in lei una cittadina e non un politico e la posizioneranno nel gradino più alto del Comune”.

Il senatore Castaldi, che non ha mai abbandonato la sede dei pentastellati, ha manifestato tutta la sua soddisfazione per un risultato che ha rispettato in pieno le previsioni della vigilia.

“Sono contento”, ha dichiarato, “Ludovica è una donna eccezionale. E’ espressione di un gruppo che ora deve lottare per ridare il Comune ai cittadini. Non è facile, ma ci dobbiamo provare”.

Alle elezioni amministrative del 2011 la lista del  Movimento 5 stelle ottenne 857 voti, attestandosi al 3,66%. Oggi il consenso intorno ai pentastellati è cresciuto sulla scia dell’anti-politica.

Anna Bontempo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.