Banner Top
Banner Top

Le Rsu disertano le trattative sugli incentivi

Le Rsu non si siederanno al tavolo delle trattative fino a quando non incontreranno il sindaco Luciano Lapenna e i dirigenti. Si è chiusa con questa decisione l’assemblea sindacale indetta da Cisl-Fp, Diccap e Csa (Coordinamento

sindacale autonomo) sulla ripartizione della produttività 2014 che tanto malcontento sta creando tra il personale comunale. Uno stato di agitazione stigmatizzato dal primo cittadino che non ha esitato a manifestare il proprio disappunto davanti al ministro Marianna Madia, ricevuta l’altro giorno in Municipio dai rappresentanti dell’amministrazione comunale e delle forze dell’ordine in occasione della giornata di apertura della Festa nazionale dell’Unità.

“In questi giorni i dipendenti iscritti ad alcuni sindacati, anche autonomi, sono in agitazione per il riparto della produttività”, ha detto Lapenna, “gli incentivi, che in passato venivano erogati a pioggia, sono stati distribuiti cercando di valorizzare il merito e penalizzare le assenze. Cioè utilizzando gli stessi criteri definiti con i sindacati, ma da alcuni di essi oggi contestati”.

Durante l’assemblea di ieri, che ha registrato la partecipazione del segretario regionale della Cisl-Fp Gabriele Martelli e dei rappresentanti delle Rsu e delle segreterie territoriali (Fabio Ravasini, Pino Molino, Pierluigi Fiore, Roberto Calvano e Maria Grazia della Penna), non sono mancati riferimenti alle parole dette dal primo cittadino il giorno prima.

“La strada tracciata dall’assemblea è quella di fermarsi e di aspettare l’incontro con il sindaco, con i dirigenti e la segretaria comunale”, spiega Ravasini della Rsu, “nel frattempo ci asterremo dal partecipare al tavolo delle trattative, dove siederanno solo i rappresentanti territoriali”.

Insomma, una sorta di “sciopero” in attesa di avere i chiarimenti richiesti. La querelle in atto riguarda la ripartizione del fondo della produttività, tema che tiene banco da settimane tra il personale municipale, parte del quale è rimasto senza incentivi. Alcuni dipendenti, che hanno chiesto di poter visionare le schede di valutazione, contestano i punteggi attribuiti dai dirigenti dei vari settori comunali, che per la prima volta hanno applicato il “piano della performance” tenendo conto, nella valutazione effettuata, anche delle assenze totalizzate a vario titolo nel corso del 2014.

“Sono state prese in considerazione anche le ferie arretrate”, chiosano alcuni sindacalisti, secondo i quali le schede “sono state firmate da dirigenti di altri servizi.”

Anna Bontempo (fonte il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.