Banner Top
Banner Top

Urla “Mi manda Dio” e minaccia una ragazza di Dogliola con il coltello

Un grande shock, ma nessuna ferita per la ragazza originaria di Dogliola che è stata vittima di un’aggressione in stile Isis. Il fatto è avvenuto presso i Fori di Roma e ha mandato i turisti nel panico. La ragazza era in compagnia del suo fidanzato, quando le si è avvicinato un brasiliano senza fissa dimora con in mano un coltello da cucina. “Sembrava una scena da Isis: ha fatto inginocchiare la ragazza, proprio come si vede nei filmati dei terroristi, mentre le teneva un coltello alla gola – ha raccontato un testimone – Mancava solo la tuta arancione”. Erano circa le 15.40 del pomeriggio; l’area era molto affollata. Per fortuna, è intervenuta immediatamente la Polizia municipale che ha cercato d’inseguire l’uomo con le volanti, ma quello, aiutato dalla balaustra pedonale è scappato in mezzo ai turisti spaventati, per cui si è optato per un inseguimento a piedi per non rischiare d’investire qualcuno tra la folla terrorizzata. Il brasiliano in fuga è arrivato fino a piazza Venezia, all’altezza del Sacrario delle Bandiere, dove due degli agenti del Gssu, aiutati anche dalla facilità nel movimento dalle loro motociclette, lo hanno placcato e disarmato. E’ stato immediatamente trasportato in cella di sicurezza presso il comando Trevi, impegnato nelle indagini. La ragazza, invece, è stata portata all’ospedale Santo Spirito in uno stato di shock.

Nausica Strever

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.