Banner Top
Banner Top

Vasto e Lanciano fuori dai poli di attrazione, ora si cerca di correre ai ripari

Il Consiglio regionale della settimana scorsa aveva respinto la risoluzione a firma degli esponenti di Abruzzo Civico Andrea Gerosolimo e Mario Olivieri finalizzata al riconoscimento di Sulmona, Vasto e Lanciano quali Poli d’Attrazione nell’ambito della strategia nazionale per le aree interne.

In Abruzzo il Dps – Dipartimento per lo Sviluppo economico e la coesione ha individuato nella classificazione del 2014 solo sette poli di attrazione, ovvero L’Aquila, Avezzano, Pescara, Chieti, Teramo, e il polo intercomunale di Atri, Pineto, Roseto e Silvi, escludendo, dunque tre importanti aree e come al solito, ormai, la parte mediana e inferiore della provincia di Chieti.

Tale decisione potrebbe essere fortemente penalizzante per le zone estromesse in quanto i poli di attrazione sono definiti “centri di offerta servizi” e, pertanto dovranno garantire tutta l’offerta scolastica secondaria, ospedali sedi di dipartimenti di emergenza e accettazione di primo livello e stazioni ferroviarie a vari livelli di eccellenza e per questo saranno in grado di attrarre anche fondi.

Una maggioranza spaccata ha deciso di rispondere negativamente all’invito rivolto dai consiglieri di Abruzzo Civico ed è toccato a Luciano D’Alfonso cercare di appianare le divergenze (cosa che peraltro non ha convinto i borrelliani a non disertare la festa del 1 anno di governo regionale di centrosinistra) fin da subito con una lettera a Gerosolimo nella quale il Governatore d’Abruzzo rilevava la validità delle osservazioni e delle azioni intraprese da Abruzzo Civico sottolineando la propria “condivisione istituzionale”.

Alla luce di tutta la vicenda che certamente non può far piacere a tutto il territorio teatino, il consigliere regionale Mario Olivieri ha inviato una lettera anche al sindaco di Vasto per ribadire come “sin da subito mi sono occupato della questione presentando insieme al Consigliere Andrea Gerosolimo, in data 26 maggio u.s., una risoluzione in Consiglio regionale, poi discussa il 23 giugno 2015, con la quale si invitava il Presidente della Giunta regionale ad attivarsi presso il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica al fine di reinserire Vasto e Sulmona nei “poli di attrazione”.

Olivieri precisa anche quanto accaduto dopo il Consiglio regionale, ovvero quando si è cercato di mettere una qualche pezza a una decisione che fatichiamo a comprendere. “A seguito della suddetta risoluzione – scrive il veterinario – la Giunta regionale, in data 26 giugno u.s., ha deliberato di attivare un confronto con il Direttore Generale Agenzia Coesione Territoriale D.ssa Ludovica Agrò e con il capo di Dipartimento Politiche di Coesione Presidenza del Consiglio Dott. Vincenzo Donato per avere chiarimenti in merito e per individuare percorsi che abbiano il fine di “aumentare la capacità di attrazione di investimenti economici” nel nostro territorio.

In conseguenza della suddetta delibera, il Presidente Luciano D’Alfonso, dando seguito alle istanze pervenute dal sottoscritto e dal collega Andrea Gerosolimo, ha calendarizzato, per il giorno 9 luglio p.v. ore 9.30 a Roma, l’incontro con il Direttore Generale Agenzia Coesione Territoriale D.ssa Ludovica Agrò. Successivamente, in data 16 luglio ore 13.00, si terrà invece l’incontro con il Capo Dipartimento Politiche di Coesione Presidenza del Consiglio Dott. Vincenzo Donato.

Il nostro obiettivo, oltre naturalmente ad essere quello di sollecitare il DPS a rivedere la propria decisione reinserendo Vasto e Sulmona tra i poli di attrazione, sarà quello di individuare percorsi funzionali a rendere l’intero territorio attrattivo per futuri investimenti economici.

Sarà mia premura coinvolgere una delegazione, di cui Tu dovrai doverosamente far parte, al fine di rappresentare le istanze del nostro territorio”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.