Banner Top
Banner Top

La presentazione del prestigioso volume “IN SELLA! Recuperi e restauri in Palazzo d’Avalos a Vasto”

Sarà presentato ufficialmente venerdì 22 maggio, alle ore 17.30, nella Pinacoteca di Palazzo d’Avalos, la residenza marchesale ancora pesantemnte ferita dal maltempo, il libro “IN SELLA! Recuperi e restauri in Palazzo d’Avalos a Vasto” di Lucia Arbace, un’opera nata dalla collaborazione il Municipio della Città del Vasto e la Soprintendenza dei Beni Storici e Artistici della Regione Abruzzo.

“Cinque anni di appassionato lavoro, una comune concertazione di studiosi all’interno di uno stesso perimetro, il Palazzo d’Avalos” teatro di valori nobiliari e politici, guerre e ricchezze in un marchesato, quello di Vasto, che vide la predilezione di Vittoria Colonna e di suo marito per questa mole monolitica collocata a guardia di un mare solcato per il Medio Oriente”: così Lucia Arbace illustra il lavoro svolto come Soprintendente BSAE, ora che è invece direttore del Polo Museale dell’Abruzzo; tutela e valorizzazione confluite nel quaderno In Sella! Recuperi e Restauri in Palazzo d’Avalos a Vasto che sarà presentato alla presenza del presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, e del Sindaco, Luciano Lapenna.

Molte le novità sottratte all’oblio: importanti manufatti inediti appartenenti alle collezioni civiche vastesi, portantine, arredi liturgici, dipinti di figure della collezione Ricci Monteferrante ed infine i disegni del dimenticato Giulio Cesare De Litiis presentati per la prima volta assieme ad altri interessanti fogli più antichi, anche per sollecitare futuri studi, soggetti di una futura mostra a luglio.

Cavalli e cavalieri protagonisti di vita e valori, altre epoche, altri ruoli, cavalli battezzati e chiamati per nome, raffigurati anche nel ciclo del Castello di Venafro, che qui vengono evocati con materiali ricchi e raffinati delle quattro selle da parata, rarissimi manufatti polimaterici, le decorazioni ricamate a ribadire il linguaggio, ostentato, delle potenze dei casati.

Uno straordinario allestimento riproduce nello sfondo, come una pellicola che si snoda, le imprese cavalleresche degli eroici marchesi decantati dall’Ariosto e immortalati nei magnifici arazzi conservati nel Museo di Capodimonte. All’interno del quaderno interventi di restauratori, studiosi e storici dell’arte non solo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, foto e riproduzioni che alzano il sipario sulla dimora nobiliare e sulla volontà di restituirlo come vigile protagonista di memorie e storia.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.