Banner Top
Banner Top

Doppia tassazione per le imprese, cinque consiglieri di opposizione chiedono la modifica del Regolamento Tasi

Come è emerso dalla conferenza stampa di martedì nella sede di Confindustria a Vasto, “le imprese che operano all’interno delle zone industriali sono costrette a pagare due volte per alcuni servizi che, per altro, a Vasto neanche ricevono. Sono quelli, per esempio, relativi alla viabilità, manutenzione del verde pubblico, tutela dell’ambiente, del territorio e pubblica illuminazione”: lo ricordano i consiglieri di opposizione Massimo Desiati, Etelwardo Sigismondi, Davide D’Alessandro, Nicola Del Prete e Andrea Bischia, che aggiungono “Accade, in definitiva, che sono chiamate a pagare, per il medesimo servizio solo teoricamente ricevuto, sia la TASI al Comune che i canoni consortili al Consorzio industriale di cui fanno parte”.

I cinque esponenti dell’Aula Vennitti, “per ovviare a tale evidente iniquità (come la hanno definita anche in conferenza stampa i vertici di Confindustria e Assovasto, ndr), hanno presentato una modifica al testo del “Regolamento per la disciplina dell’Imposta Unica Comunale (IUC)”, nella parte relativa alla TASI, chiedendo che siano previste detrazioni “per gli immobili e le aree scoperte pertinenziali delle aziende ricomprese nelle aree industriali e soggetti al pagamento di canoni consortili a favore di consorzi industriali di cui all’art. 36 della L. 5 ottobre 1991, n. 317”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.