Banner Top
Banner Top

Depuratori malfunzionanti, discariche, rifiuti industriali i malanni dei corsi d’acqua abruzzesi e molisani

trignoTempo di bilanci per i volontari dell’Associazione Onlus Sport Turismo e Cultura e delle loro attività svolte in collaborazione con Arci caccia e le Associazioni ittiche. Tutte insieme hanno stilato un riepilogo delle cose fatte  nelle regioni Abruzzo e Molise che è stato inviato alle Procure generali della Repubblica di Larino, Vasto, Lanciano e Giulianova.

I dati riassumono un lavoro che si è protratto per due anni, su molti dei territori delle due regioni, e sono stati svolti sia nel periodo estivo che in quello invernale e il presidente del sodalizio ambientalista, Paolo Leonzio, li riassume così:

Molise

Il Torrente Saccione, Cigno, Vallone della Terra, Basso Biferno, Tecchio, Sinarca si presentano tutti compromessi per la presenza di liquami provenienti da reti fognarie senza depuratori o non funzionanti, nei loro corsi sono stati costantemente rilevati rifiuti anche pericolosi quali eternit, contenitori di fitofarmaci, macchinari elettrici e quanto altro. Il Fiume Trigno, il più grande per portata d’acqua, presenta situazione più grave raccogliendo direttamente dal sistema fognario di Agnone e dai molti opifici caseari delle zone limitrofe.

Abruzzo

Il Torrente Buonanotte, Vallone Maltempo, Passo della Noce, Sinello, Torrente Osceno, Cirripone, Osento, Acqua chiara, Sangro, Vallevò, Riccio, Vomano e Tordino si presentano, soprattutto nel periodo estivo ed all’aumentare delle presenze turistiche, tutti compromessi a causa della mancata depurazione delle acque di scarico fognario dei Comuni interessati al loro passaggio, delle discariche di rifiuti esistenti nei pressi dei loro alvei e della presenza di cascami del sistema produttivo.

Le cause principali su cui è indispensabile intervenire, da parte degli enti territoriali e delle Regioni Molise ed Abruzzo, sono ben individuabili nella mancata depurazione dei liquami fognari, molto spesso direttamente scaricati nei fiumi che, poi, sfociano in mare; così come nella mancata inertizzazione di vecchie discariche rifiuti dismesse.

I volontari, i quali si sono prodigati costantemente in tali verifiche e controlli, recandosi personalmente sui territori individuati, confidano nelle attività della Magistratura, affinché con il suo intervento si riescano ad eliminare le gravissime situazioni di inquinamento qui evidenziate.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com