Banner Top
Banner Top

L’on.le Amato (PD) tra i firmatari di una mozione per il prolungamento della linea ferroviaria adriatica

maria-amato“Necessaria la prosecuzione del corridoio Baltico-Adriatico  lungo la dorsale adriatica. Fondamentale l’inclusione della direttrice Ancona-Pescara-Bari-Taranto-Lecce, che costituisce elemento centrale per il sistema dei collegamenti all’interno della Macroregione e per il successo della stessa”. Lo sostengono, con una mozione, i parlamentari del Pd Maria Amato e Antonio Castricone e Gianni Melilla di Sel.

“E’ opportuno un supplemento di istruttoria svolta a livello di Unione europea sulla metodologia applicata per la definizione dei tracciati, affinché, nelle attività di verifica che si andranno a realizzare entro il 2020, sia inclusa la direttrice Ancona- Lecce”, prosegue la nota parlamentare.

Nel documento, tra le premesse, si fa riferimento alla creazione di un nuovo strumento per finanziare le infrastrutture prioritarie per l’Unione europea in diversi settori, tra i quali quello dei trasporti.  Questo strumento, annunciato dalla Commissione europea nella programmazione finanziaria pluriennale per il periodo 2014-2020, denominato «Meccanismo per collegare l’Europa» avrà una dotazione di 50miliardi di Euro per il 2014-20, 10 miliardi dei quali destinati alle infrastrutture insistenti nell’ambito del fondo di coesione.

“Questa proposta – spiegano i parlamentari firmatari della mozione – è orientata alla realizzazione di un unico spazio europeo dei trasporti includente infrastrutture ferroviarie, marittime , aeree e viarie di tutti gli stati membri. La realizzazione di tale progetto volge al miglioramento della libera circolazione di merci  servizi e persone, favorendo coesione economica sociale e territoriale. La dorsale adriatica – continua la nota – risulta carente di un’adeguata infrastrutturazione che supporti la linea ad alta velocità e capacità, diversamente da altre regioni, soprattutto del nord, servite, invece, da collegamenti ferroviari veloci ed efficienti, e in previsione della definizione ultima della Macroregione Adriatico Ionico, la mobilità su ferro risulta essenziale non solo per garantire un servizio ai passeggeri e un celere trasporto di merci, ma soprattutto quale strumento di coesione territoriale crescita e competitività. Quindi,  abbiamo ritenuto opportuno, in sinergia con gli obiettivi regionali dell’Abruzzo – concludono Amato e Castricone – di impegnare il Governo ad assumere ogni iniziativa in sede europea per promuovere il prolungamento del corridoio baltico-adriatico lungo la direttrice Ancona-Pescara-Bari-Taranto-Lecce, che costituisce un elemento strategico tra i diversi poli produttivi e le aree portuali dell’Adriatico, capace di rendere l’Italia il baricentro dei traffici commerciali tra l’oriente e l’occidente, nonché fra i Paesi del Nord Europa e le nuove economie che si affacciano sul Mediterraneo”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.