Banner Top
Banner Top

Tribunale: proroga di tre anni, chiusura posticipata al 2018

Tribunale_Vasto_1Sono state la Commissione Bilancio prima e l’Aula di Palazzo Madama poi ha sancire la proroga della sopravvivenza dei tribunali di Vasto, Lanciano, Sulmona e Avezzano, che resteranno aperti fino al 2018 anziché nel 2015. La scelta della politica è dovuta soprattutto al persistere dell’inagibilità dei tribunali di Chieti e L’Aquila, il tutto mentre Vasto si appresta ad accogliere in aprile il  nuovo presidente Italo Radoccia, il quale ci ha anticipato che si impegnerà fino in fondo per cercare ogni soluzione atta alla salvaguardia del massimo presidio giudiziario vastese.

Intanto comincia il solito balzello sulla rivendicazione del risultato conseguito. Il primo a dare notizia della decisione assunta dal Senato tramite il solito social network è stato Gianluca Castaldi le cui parole sono state riportate da Sara Marcozzi del Foro di Chieti che ha commentato sarcasticamente “I meriti, sulla carta, se li prende il Partito Unico. Invito a seguire i resoconti parlamentari per capire da soli la verità! Altra piccola gemma del M5S”.

“Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione degli emendamenti sulla proroga di ulteriori tre anni della soppressione dei Tribunali di Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto, motivata con il persistere dell’inagibilità dei Tribunali di L’Aquila e di Chieti”: questo il commento a caldo del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giovanni Legnini. “Abbiamo lavorato come governo per corrispondere alle istanze dei gruppi parlamentari che avevano presentato emendamenti a firma delle senatrici Pezzopane, Chiavaroli, Pelino e Blundo, che ringrazio per il lavoro svolto, nonché dei sindaci e dell’avvocatura che si sono battuti per raggiungere tale risultato. Ringrazio – ha concluso Legnini – il ministro Annamaria Cancellieri e il ministero dell’Economia che, a seguito del lavoro che abbiamo prodotto in questi giorni, si sono determinati a dare il loro parere favorevole. Adesso abbiamo a disposizione circa cinque anni per la ricerca di una soluzione definitiva che consenta di coniugare le esigenze di razionalizzazione con quelle dei territori interessati”.

Sulla stessa linea d’onda anche il forzista Fabrizio Di Stefano “Esprimo apprezzamento per la notizia che i  Tribunali abruzzesi avranno una proroga di 3 anni per l’accorpamento”, che poi aggiunge “Avevo già annunciato nel mese di ottobre la mia volontà di presentare un emendamento in tal senso, a margine di un incontro con il Ministro Cancellieri, ma essendo il provvedimento al vaglio prima del Senato, ben hanno fatto i colleghi”. “Indubbiamente, quando si ottengono risultati importanti – ha aggiunto Di Stefano – collaborando oltre i partiti di appartenenza, per il bene dei cittadini e dei territori, non può che essere un bene per tutti”.

Giuseppe Forte, vice-presidente del Consiglio comunale di Vasto, ha sottolineato come “Ora ci sarà tempo per riflettere, per studiare le soluzioni più opportune nella prospettiva di mantenere nella nostra Città un presidio di sicurezza così importante”.

Giudizi positivi sono giunti, e non poteva essere altrimenti, dai presidenti degli Ordini forensi delle quattro città soggette a soppressione.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts