Banner Top
Banner Top

Operazione Il Vate, il gip accorda la libertà al vastese coinvolto

tribunale pescara_2Era dal 12 novembre scorso che Ermanno Falone era agli obblighi di dimora comminati dal gip al termine delle indagini racchiuse sotto il nome di operazione il Vate che hanno portato agli arresti domiciliari l’ex assessore regionale alla Cultura e Veterinaria Luigi De Fanis e la sua segretaria personale Lucia Zingariello.

Il vastese era finito nelle maglie della giustizia in qualità di presidente della onlus Abruzzo Antico che secondo gli inquirenti era la associazione attraverso al quale l’assessore gestiva direttamente le erogazioni dei contributi regionali per gli eventi culturali.

Falone era stato sentito dal magistrato il 18 novembre scorso, quando il suo legale presentava anche la richiesta di remissione in libertà, una richiesta respinta tre giorni dopo dal gip Maria Carla Sacco, che oggi, “su parere favorevole del pm Giuseppe Bellelli”, ha assunto una decisione favorevole.

Il giovane vastese si è sempre dichiarato estraneo ai fatti contestatigli, ma resta comunque indagato insieme agli altri coinvolti.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts