Banner Top
Banner Top

Richiesta di annullamento dell’autorizzazione Suap, una seconda vittoria del movimento contro l’antenna

protesta-antenna-ivo menna“Il grande attivismo dimostrato in questi giorni dall’assessore all’Urbanistica del Comune di Vasto per chiudere definitivamente la questione della rimozione del palo su cui doveva essere installata l’antenna sul parcheggio multipiano, risponde e rende concreto l’impegno della amministrazione a risolvere la questione”: questo il commento rilasciato da Ivo Menna, del Movimento contro l’antenna, all’indomani delle dichiarazioni dell’assessore ai Servizi Marco Marra in Consiglio comunale in risposta a una interrogazione di Davide D’Alessandro
“Questo è un fatto positivo – ha aggiunto Menna – e frutto della mobilitazione degli oltre duemila cittadini che hanno detto NO! A quella illegalità. La prima risposta ci è giunta con le due ordinanze di sospensione dei lavori. E’ certo, che in questa fase, l’attuale assessore, Avvocato Luigi Masciulli, il cui incarico assessorile  gli era stato conferito dopo che lo (S.U.A.P.), sportello unico delle attività produttive di San Salvo aveva rilasciato il suo consenso iniziale alla installazione dell’opera su parere favorevole degli uffici urbanistici di Vasto, ha posto in essere il suo impegno per risolvere il caso”.
L’ambientalista storico, come ama definirsi, attacca, però, frontalmente l’operato degli uffici urbanistici “Resta Il grave errore commesso dagli uffici urbanistici, che comunque la dice lunga sulla efficienza, la razionalità e la conoscenza delle leggi in materia urbanistica. Una insufficienza, questa, che ha determinato una installazione abusiva su una struttura pubblica la cui funzione non è certamente quella di ospitare antenne delle radiomobili, o impianti fotovoltaici o altre diavolerie del mondo della speculazione moderna. Il gestore deve attenersi scrupolosamente alla convenzione stipulata con il comune di Vasto, che non mi pare abbia voluto sancire che sulla sua struttura potessero sorgere quelle cose camuffate da miglioramenti proposti dal gestore stesso, che invece quest’ultimo con le compiacenze che si determinano nel mondo politico, stravolge sostituendo la funzione del parcheggio con altre funzioni.   Insomma sul conteggio finale come al solito è l’ente pubblico che perde e il privato che lucra”.
Un Ivo Menna che nel suo documento loda invece l’operato dell’assessorato “La richiesta quindi di annullamento da parte dell’assessore Masciulli, della autorizzazione dello sportello SUAP di San Salvo rientra positivamente tra quelle priorità di interesse pubblico rispetto al lucro privato, per tanti motivi tra cui quello ambientale, di salute pubblica, di tutela del paesaggio, non dimenticando che il piano del parcheggio di Via Ugo Foscolo, si trova ad altezza considerevole e che ogni opera installata sullo stesso piano confliggerebbe con la bellezza del Palazzo Caldora, della Chiesa di Santa Maria, con la Chiesa del Carmine, impedendone la vista”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts