Banner Top
Banner Top

No al pozzo della Medoil a Scerni, la soddisfazione di Rifondazione

Maria Perrone Capano
Maria Perrone Capano

La decisione del Comitato regionale VIA di esprimersi per la seconda volta contro il progetto esplorativo estrattivo Civita di Scerni presentato dalla Medoilgas trova la piena soddisfazione anche del  Circolo “Sante Petrocelli” di Vasto del Partito della Rifondazione Comunista. “Salutiamo come una vittoria del territorio – scrive il segretario cittadino Maria Perrone Capano – l’ennesima sconfitta del fronte dei petrolieri, nuovo importante tassello della resistenza dell’Abruzzo alla deriva petrolifera che da alcuni anni incombe minaccioso. Sono state quindi confermate e si è dimostrata la validità delle ragioni alla base dell’opposizione al progetto della Medoil, sostenute e fatte proprie anche dal nostro Partito nel settembre 2012”.

La Capano rivendica il ruolo del suo partito nella vicenda alal quale ha dato il proprio contributo presentando le proprie osservazioni al Comitato VIA dopo aver raccolto l’allarme della prof.ssa Maria Rita D’Orsogna, di associazioni, movimenti e comitati (disponibili al link http://sra.regione.abruzzo.it/attachments/article/233/OSSERVAZIONI_Scerni_PRC%20Vasto.pdf).

“Scerni è tra i punti di eccellenza dell’agricoltura d’Abruzzo – aggiunge l’esponente di PRC – e mettere a rischio questo territorio e la salute dei suoi abitanti è stato un tentativo scellerato. Come abbiamo ampiamente sempre ribadito in questi anni (anche recentemente davanti alle prese di posizione di chi ha pubblicamente rilasciato dichiarazioni di “apertura” ai progetti petroliferi o ha affermato che con i soldi derivanti da tali attività è possibile finanziare le casse pubbliche) la deriva petrolifera non può rappresentare il futuro dell’Abruzzo: lo sviluppo, la tutela e la difesa della nostra Regione sono totalmente in antitesi alle trivelle e alle perforazioni terrestri e marine. La vittoria di questi giorni può dare nuova forza al fronte di opposizione di fronte alle tantissime vertenze che rimangono accese. Prima, e probabilmente più pericolosa tra tutte, Ombrina Mare 2, definito da alcuni un “Centro Oli in mare”. Il Circolo “Sante Petrocelli” di Vasto, insieme a tutto il Partito della Rifondazione Comunista, continuerà a sostenere associazioni, movimenti, docenti universitari, comitati impegnati contro Ombrina Mare 2 e ogni altro progetto. Festeggiamo questa vittoria ben consci che il cammino sarà ancora lungo e irto di difficoltà”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts