Banner Top
Banner Top

La replica piccata di Prospero agli attacchi personali di Forte

antonio prosperoSono stati gli attacchi personali portatigli dal Giuseppe Forte a far sobbalzare dalla sedia Antonio Prospero, che risponde al suo ex amico di partito con tono piccato: “La polemica a tutti i costi non serve se, a farla, è un amministratore che da 8 anni in sella non può fregiarsi di una sola azione politica concreta a vantaggio del territorio – scrive Prospero in una nota Parlando di Consorzi industriali non avevo chiamato in causa nessuno, eppure c’è stato chi si è sentito in dovere di denigrare il mio operato.  Ho il diritto di replica, anche se questo signore, come ha sempre fatto, non mi ospiterà sul suo blog”.

Prospero afferma di non comprendere la critica personale sollevata dal Presidente del Consiglio comunale di Vasto Giuseppe Forte al posto di limitarsi ad un confronto dialettico e politico sulla riforma dei Consorzi industriali.

“Quando si è prevenuti nei confronti di un argomento o di una persona, è difficile aprire un dialogo costruttivo. Nel mio intervento – spiega Prospero – ho detto che io per primo sono un paladino che difende gli interessi del territorio. L’ho fatto in passato, continuerò a farlo, ma in un’ottica di crescita, non di rottura. Se si hanno idee migliori per difendere il territorio, in questo caso per dare più occasioni alla nostra area industriale, ben vengano le proposte. Ma dove sono? Personalmente sto seguendo da sempre gli interessi di questa area perché sul Porto di Punta Penna credo di aver svolto azioni di grande rilievo, assieme ad altri colleghi regionali. E sono assai contento quando alcuni obiettivi raggiunti li posso condividere anche con altri amministratori del territorio, anche con chi viene alle inaugurazioni ma non ha fatto nulla per quella realtà! In verità – prosegue Prospero – credo che al cospetto di una crisi profonda di tutto il settore industriale, bisogna essere realisti, bisogna tagliare i costi della politica, razionalizzando le risorse e valorizzando i territori che più di altri hanno dimostrato di essere pronti per nuove sfide.

A Vasto la politica del no a tutte le iniziative industriali non è certo venuta dalla mia parte politica, dunque, farsi paladini oggi della difesa del territorio ma al momento del dunque ci si rende conto di essere imbrigliati dalla sinistra, non è un problema mio. Sui consorzi industriali non si può solo invocare il campanile. Bisogna proporre progetti plausibili. Per quanto riguarda il ricorso al Tar del Comune di Vasto avverso la riforma dei Consorzi industriali – conclude il consigliere Prospero – mi chiedo come mai, se l’obiettivo era quello di bloccare l’iniziativa, non sia stata chiesta la sospensiva? Ma questo particolare, forse, in Municipio, a Vasto, lo conoscono meglio del sottoscritto”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts