Banner Top
Banner Top

Referendum: depositate le firme in Cassazione solo per quelli sulla Giustizia

referendumÈ stata la giornata dei referendum quella vissuta ieri in Cassazione. Ben 532 mila le firme depositate dai Radicali a sostegno di sei dei dodici referendum presentati ai cittadini italiani. Sono passati tutti quelli sulla Giustizia, ovvero  due sulla responsabilità civile dei magistrati, uno per l’abolizione dell’ergastolo, uno contro i magistrati fuori ruolo, uno contro l’abuso della custodia cautelare e uno per la separazione delle carriere.

Non hanno raggiunto il numero di firme necessario, invece quelli sull’abolizione del finanziamento ai partiti e dell’otto per mille, divorzio breve, norme sulla droga e sull’immigrazione.

Nelle stesse ore, sempre in Cassazione è stato depositato il quesito referendario proposto da 9 Regioni italiane contro il taglio di mille piccoli tribunali, procure e giudici di pace, una vicenda nella quale l’Abruzzo ha ricoperto il ruolo di Regione capofila e che ha visto aderire quelle di Piemonte, Marche, Puglia, Calabria, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Liguria e Campania.

Dal 1970 è la prima volta che sono le Regioni e non i cittadini ad avanzare una richiesta referendaria che ha, però, lo scopo, come ha sottolineato Emilio Nasuti, consigliere regionale eletto nel Pdl ed ora allineato nel gruppo misto, di non giungere a una votazione ma di stimolare il Governo (che si trova di fronte alla volontà oltre metà del Paese) a ritornare sui propri passi e a rivedere la geografia giudiziaria disegnata dall’ex ministro Severino.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts