Banner Top
Banner Top
Banner Top

No alla soppressione della Direzione Territoriale del Lavoro di Chieti

provinciaIl ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha approntato una bozza di regolamento con il quale prevede la soppressione di 11 direzioni territoriali del lavoro, tra le quali è ricompresa quello di Chieti che verrà incorporato nella direzione di Pescara. Avverso tale decisione l’ultimo Consiglio provinciale si è pronunciato con forza approvando una mozione all’unanimità.

“Ho presentato al Consiglio Provinciale una mozione urgente per esprimere la più ferma e decisa contrarietà alla trasformazione della Direzione territoriale del Lavoro di Chieti in un Ufficio presidio. Rappresenterebbe l’ennesimo scippo di servizi che colpisce questo territorio e la città di Chieti in particolare, in nome di una razionalizzazione delle pubbliche amministrazioni che falcia dal basso gli uffici pubblici senza tenere conto della realtà circostante –  afferma il Presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio.

A riguardo afferma il Presidente Di Giuseppantonio: “Che il territorio provinciale di Chieti debba avere un ufficio presidio privo di autonomia funzionale significa andare incontro ad un vulnus nel sistema lavoro inaccettabile: abbiamo bisogno un ufficio periferico del Ministero del lavoro che sia in grado di funzionare a pieno regime e dotato di  autonomia – precisa Di Giuseppantonio – Stiamo parlando della provincia più popolosa della regione con quasi 400.000 abitanti, con il più elevato numero di posizioni contributive attive della regione Abruzzo e il più alto numero di addetti, che presenta una elevata conflittualità nei rapporti di lavoro e di criticità nel tessuto sociale. Non solo, è presente sul territorio la più grande area industriale metalmeccanica del centro sud Italia e una cospicua presenza di settori produttivi cruciali per l’economia nazionale e regionale. Entrano in gioco autorizzazioni, certificati di lavoro, funzioni ispettive e di vigilanza, attività di conciliazione  che non possono subire rallentamenti”.

E conclude “Invito tutti i 104 Sindaci della provincia a condividere la mozione e a fare rete attorno alla Direzione Provinciale di Chieti per scongiurarne il declassamento. Non possiamo accettare le conseguenze di una spending review miope, dove sia sempre il nostro territorio provinciale a rimetterci”.

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts