Banner Top
Banner Top

Cupello, un polo ecologico in località Valle Cena

Angelo Pollutri
Angelo Pollutri

A seguito del dibattito sul Piano strategico della macro area Vasto-San Salvo e della proposta di Progetto per Vasto e Fratelli d’Italia di “delocalizzare” le attività di maggiore impatto ambientale dall’area industriale di Punta Penna, ecco che l’amministrazione comunale di Cupello, guidata dal sindaco Angelo Pollutri, ricorda che a gennaio 2012 aveva già avanzato una proposta alla Provincia, tramite delibera di Consiglio comunale di variare la destinazione delle aree agricole del territorio di Valle Cena in aree produttive, “in buona sostanza un polo ecologico ubicato in un’area dove la politica locale ha già deciso in modo trasversale negli anni 80 la presenza di un impianto di compostaggio e riciclaggio dei rifiuti solidi urbani ,con annesse discariche di servizio, attualmente quelle in funzione sono due e la terza è da poco stata autorizzata dal Comitato V.I.A. della Regione Abruzzo”. È proprio questa proposta che “potrebbe dare la possibilità all’avvio di un progetto di delocalizzazione di alcune tipologie di industrie dall’area di Punta Penna, almeno quelle in previsione di inizio attività. Ciò consentirebbe di salvaguardare la realizzazione del Parco Nazionale della Costa Teatina e consentirebbe di mettere ordine, nel settore delle industrie a vocazione ecologica, di avere un area urbanisticamente adatta, controllabile e monitorata, per la salvaguardia della salute pubblica, evitando interventi a macchia di leopardo sul territorio”.
Per il sindaco di Cupello, inoltre, “un altro aspetto importante è quello di agire in un settore capace di produrre posti di lavoro e compensazioni ambientali, che consentirebbero di ammodernare la rete delle infrastrutture intercomunali quali ad esempio la riqualificazione della Fondovalle Cena e l’abilitazione della Fondovalle Sinello, realizzata dal Consorzio di Bonifica ed attualmente chiusa (nei pressi ex Total) senza dimenticare il completamento della Fondovalle Treste. La scelta sulle compensazioni ambientali per le infrastrutture consentirebbe di togliere dall’isolamento i Comuni dell’Alto Vastese”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts