Banner Top
Banner Top

Un altro Palizzi torna “a casa”

presentazione-quadro-nicola palizzi - 34È stata inaugurata ieri presso la “casa museo” del Piccolo Circolo Garibaldino in vico Sinello la mostra dell’ultimo quadro di Nicola Palizzi, ritrovato grazie a Stefano D’Adamo, milanese di origini vastesi, che lo ha scoperto proprio a Milano e “riportato a casa”. “Vorrei raccontarvi una storia suggestiva – ha scherzato D’Adamo presentando il quadro – magari dicendo di aver ritrovato il quadro in una vecchia cantina polverosa, ma in realtà molto più semplicemente l’ho notato grazie a un importante collezionista di Milano. Portarlo qui non è stato un esercizio di vanto; l’idea è stata di Francescopaolo D’Adamo e si è sviluppata tra amici che hanno il piacere di condividere il bello. Ho avuto questa opportunità e sono lieto di poterla mettere a disposizione della città”.
Presenti ieri pomeriggio presso il Piccolo Circolo Garibaldino per la presentazione, anche il presidente dell’Assostampa Vasto, Giuseppe Catania, l’architetto Francescopaolo D’Adamo, che ha messo a disposizione la suggestiva location per l’esposizione e la dottoressa Roberta Presenza, storica dell’arte, che ha tracciato un breve profilo dell’Autore e definito le caratteristiche principali del quadro in mostra.
“Le difficoltà maggiori – ha sottolineato la dottoressa Presenza – risiedono nel fatto che la figura di Nicola Palizzi viene troppo spesso analizzata attraverso un confronto ingombrante con i fratelli maggiori, anche se è proprio grazie a loro che è possibile ricostruire la vita del più piccolo: grazie ai carteggi tra i fratelli maggiori, sappiamo infatti che l’autore del quadro che oggi presentiamo è partito a 22 anni per raggiungere i fratelli a Napoli; lì ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti e ha avuto come maestro un altro vastese illustre, Gabriele Smargiassi”.
Dopo la partenza dei fratelli, Nicola abbraccia quella “Scuola di Posillipo” di cui porta evidenti influenze il quadro presentato, sul quale rimane però il dubbio, essendo una riproduzione abbastanza precisa del centro storico di Vasto, “se sia stato dipinto ‘a memoria’ o se un’estate Nicola sia tornato a Vasto e abbia dipinto ‘dal vivo’ lo stesso quadro”.
Dopo l’esauriente relazione della dottoressa Presenza (di cui è stato riportato solo qualche breve spunto), finalmente il giro nella preziosa location per ammirare il quadro.
L’evento di ieri sera, però,  non è stato un semplice tributo all’arte di Nicola Palizzi: “La sfida – ha spiegato l’architetto Francescopaolo D’Adamo – è quella di portare la cultura negli angoli più nascosti di Vasto, in modo da far conoscere anche la storia e l’architettura di quelle zone della città sconosciute perfino agli stessi vastesi”.

n.l.

  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 06
  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 13
  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 34
  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 17
  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 21
  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 25
  • presentazione-quadro-nicola palizzi - 45
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts