Banner Top
Banner Top

Provincia: un incontro sull’estensione della normativa SCIA alle concessioni stradali

enrico-di-giuseppantonioSi è tenuto presso la Sala della Giunta provinciale, a Chieti, un incontro per affrontare la questione relativa all’adozione di un modello condiviso di SCIA, la Segnalazione Certificata di Inizio Attività per il rilascio delle concessioni relative alle costruzioni di recinzioni e accessi, materia di competenza delle Province. All’incontro, convocato dal Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, hanno partecipato i rappresentanti dei Consigli degli Ordini professionali provinciali degli architetti, ingegneri e geometri. Hanno preso parte inoltre gli Assessori provinciali Nicola Campitelli e Tonino Marcello nonché tecnici e funzionari degli uffici dell’Ente.

“Nel corso dell’incontro – afferma il Presidente Di Giuseppantonio – è emersa la ferma volontà di combattere la burocrazia che rallenta l’operatività di coloro che, pur con grandi difficoltà, riescono ancora a muovere l’economia e per questo vanno sostenuti e agevolati in ogni modo possibile e naturalmente per i cittadini. L’obiettivo comune è semplificare le procedure amministrative per ridurre i tempi di rilascio delle concessioni, che fino ad ora richiedevano tempi di istruttoria piuttosto lunghi”.

“In un clima di grande collaborazione e disponibilità reciproca – prosegue il Presidente Di Giuseppantonio – abbiamo ascoltato le proposte dei professionisti per estendere, in modo condiviso, il campo di applicazione della SCIA ad altre tipologie di atti, appunto alle concessioni relative a costruzioni di manufatti, quali recinzioni e fabbricati e in prospettiva anche agli accessi e agli attraversamenti, concordando quindi un modello unico che può diventare effettivamente un unico strumento che renda tutta la procedura più vicina alle esigenze degli utenti”.

“La proposta è stata accolta – sottolinea l’Assessore Marcello – e ci siamo riservati di rincontraci a fine settembre per sottoporre agli ordini coinvolti il modello che i nostri uffici tecnici predisporranno. Avremo modo di discuterne e eventualmente di plasmare il modello per renderlo più efficace, anche grazie alle indicazioni che i rappresentanti degli ordini suggeriranno. Si tratta di una prassi di buona amministrazione che ho fortemente voluto – conclude l’Assessore Marcello – che una volta strutturata verrà diffusa su tutto il territorio per consentire di iniziare i lavori una volta presentata la documentazione necessaria”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts