Banner Top
Banner Top
Banner Top

Prognosi positiva per il pilota vastese Andrea Iannone

Andrea Iannone, apr 2013Prognosi positiva per Andrea Iannone, operato ieri con successo all’avambraccio destro presso l’Ospedale Universitario Quirón Dexeus di Barcellona. Sotto osservazione per tutta la giornata odierna, “unico eventuale problema – si legge in una nota della Ducati – potrebbero essere i tempi di guarigione della ferita praticata per l’operazione, alla quale sono state applicate delle graffette che saranno rimosse prima del Gran Premio del Mugello”. Il ritorno ai box, come auspicato dal pilota abruzzese dell’Energy T.I. Pramac Racing Team, rimane previsto per il Gran Premio di Francia il prossimo 19 maggio. Il commento di ‘Ian 29’ dopo l’operazione: “Non posso proprio dire che questo sia uno dei miei momenti migliori. Dopo il weekend di Jerez sono volato a Barcellona per farmi operare al braccio destro, per il problema che mi sta infastidendo dal Qatar, ma ora sento davvero molto male. Sono sicuro che ci vorrà un po’ di tempo però sono fiducioso perché il prof. Mir ha operato molti altri piloti prima di me, ed ha sicuramente una validissima esperienza in merito. In realtà mi ha detto di non aver visto spesso un muscolo così compresso, ma tutto sembra andato bene, devo solo aspettare che passi il dolore. E’ inoltre intervenuto sulla ferita al ginocchio così da permettere una veloce guarigione e, anche se ho sofferto, sono felice che abbia potuto farlo. Non vedo l’ora che tutto questo finisca per tornare in sella alla mia moto”. Di seguito, infine, la nota della Clinica del prof. Mir: “Il paziente Andrea Iannone è stato operato questo pomeriggio (martedì 7 per chi legge, ndc), presso l’Ospedale Universitario Quirón Dexeus, per una sindrome compartimentale dell’avambraccio destro. Il dott. Xavier Mir, direttore dell’Unità di Microchirurgia e Chirurgia della Mano dell’Ospedale Universitario Quirón Dexeus, ha praticato il rilascio della fascia dell’avambraccio con tecniche microchirurgiche. Inoltre ha pulito chirurgicamente la ferita del ginocchio sinistro. Il paziente rimarrà ricoverato per ventiquattro ore”.

Michele Del Piano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts