Banner Top
Banner Top

Al d’Avalos Franco Arminio e la sua “paesologia”

franco-arminio-giovedì rossettiani - 23C’è una netta differenza tra la “paesologia” di Franco Arminio e quella che lo stesso scrittore di Bisaccia definisce “paesanologia”, ovvero quella tendenza al rimpianto e all’autocommiserazione propria di un certo stile della serie “com’eravamo” tipica di certi “storici paesani”, nostalgici e con lo sguardo rivolto al passato.
Durante l’incontro presso la Pinacoteca di Palazzo d’Avalos, il professor Gianni Oliva e lo scrittore Franco Arminio hanno ripercorso insieme le caratteristiche salienti di questo originale approccio narrativo che contraddistingue lo scrittore campano, autore di “Diario civile” (1999), “Viaggio nel cratere” (2003) e “Circo dell’ipocondria”. Nel 2009 Arminio ha vinto il Premio Napoli con “Vento forte tra Lacedonia e Candela”, attirandosi le simpatie e l’apprezzamento di Roberto Saviano.
Come spiegato dal professor Oliva, nella “visione” di Franco Arminio, l’economia del circolo vizioso di produzione e consumo portata ai livelli esasperati dell’epoca contemporanea si scontra con la poesia. “Lo sguardo di Franco Arminio – ha spiegato il professor Oliva – ci mostra le contraddizioni di una civiltà deragliata.
Per quanto riguarda la “paesologia”, è un sorta di “induzione”: “Attraverso le malattie dei paesi, come una goccia di sangue attraverso un vetrino, studio le malattie del mondo”, ha spiegato Arminio.
Così attraverso lo spopolamento di interi territori interni e la “malattia” di paesi abbandonati per “un posto al sole” della costa o della grande città, Arminio diagnostica quella debolezza culturale della popolazione, alimentata dalla classe dirigente, per cui il benessere si trovava lontano dalle campagne e dalle montagne.
“Questo processo si sta fermando – ha dichiarato Arminio – perché ormai abbiamo toccato il fondo e non possiamo che risalire; pian piano si sta riaffermando quello che mi piace definire ‘l’umanesimo della montagna’. Nel medio e lungo periodo sono sicuro che riusciremo a rivendicare al bellezza e l’unicità dei nostri territori, ma la politica non deve più essere miope e deve incentivare i residenti a rimanere nella propria terra, ad aumentare i residenti delle zone interne e montane, invece di incentivare l’emigrazione, come accaduto dagli inizi degli anni ’50, per cui adesso ne paghiamo le conseguenze: l’Italia è una terra di montagne, ma le abbiamo abbandonate; qualcosa sta già cambiando e credo che ormai la tendenza si sia invertita, anche se ci vorrà del tempo per apprezzarne i risultati.”

n.l.

  • franco-arminio-giovedì rossettiani - 01
  • franco-arminio-giovedì rossettiani - 23
  • franco-arminio-giovedì rossettiani - 04
  • franco-arminio-giovedì rossettiani - 19
  • franco-arminio-giovedì rossettiani - 10
  • franco-arminio-giovedì rossettiani - 06
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts