Banner Top
Banner Top

In Abruzzo 85.000 stranieri

Alla data del 31 dicembre 2011 in Abruzzo erano 85.000 i cittadini stranieri regolari, circa l’1,7% della popolazione immigrata a livello nazionale. La comunità più numerosa è quella proveniente dalla Romania con poco meno di 23.000 presenze. A seguire i cittadini albanesi (13.754), i marocchini (6.532), i cinesi (5.493), i macedoni (5.463) e gli ucraini (3.948). Per quanto riguarda i cittadini provenienti dalla Comunità europea, 17.932 risiedono nella provincia di Teramo, 14.537 in quella dell’Aquila, 10.585 nel pescarese e 9.025 nel chietino.
Sono dati ufficiali forniti dall’Istat e dal Ministero degli Interni. A presentarli a Pescara sono stati Maria Paola Nanni, mons. Giovanni D’Ercole vescovo ausiliario dell’Aquila e don Marco Pagniello della Caritas.
Per quanto riguarda l’aspetto demografico i dati dicono che trattasi di una popolazione molto giovane: il 78,5% non raggiunge i 44 anni di età. La Confederazione Nazionale Artigiana (CNA)rende noto che le imprese gestite da stranieri sono 4.633 di cui il 24,7% da donne. I titolari di impresa più numerosi sono di nazionalità cinese.
La religione prevalente è quella cristiana di rito ortodosso. Inoltre, è in forte aumento la richiesta di permessi di soggiorno di lungo periodo: 52,1%. Ciò evidenzia la tendenza all’inserimento stabile degli stranieri. Quando i permessi di soggiorno scaduti non vengono rinnovati è sempre per la perdita del lavoro. La crisi, insomma, colpisce anche gli immigrati che scelgono di vivere in Abruzzo.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts