Banner Top
Banner Top

Tiziana Magnacca alla presentazione del rapporto annuale dell’economia abruzzese

In rappresentanza della Regione Abruzzo l‘assessore alle Attività Produttive Tiziana Magnacca ha partecipato alla presentazione del rapporto annuale dell’economia abruzzese.

Il quadro che se ne ricava è positivo con un buon stato di salute complessivo della nostra regione grazie alla spinta delle grandi multinazionali e delle piccole e medie imprese che contribuiscono al reddito degli abruzzesi. L’inflazione, che ha ridotto la capacità di spesa, e le scarse possibilità di accesso al credito non hanno fiaccato la capacità di resilienza delle famiglie.

“Il rapporto annuale della Banca d’Italia – commenta l’assessore Magnacca – racconta di un Abruzzo equo dove il divario tra le varie fasce della popolazione non è così marcato come in altre regioni italiane. Il nostro punto di forza continuano a essere i giovani e il loro alto livello di scolarizzazione che sarà il nostro miglior capitale per il futuro”.

“Abbiamo dei limiti da recuperare, come le competenze digitali, che oggi sono le richieste di nuove professionalità che arrivano dalle aziende. Per questo abbiamo il dovere di spingere i giovani a investire nella formazione in chiave digitale e dell’innovazione. Al lavoro, quindi, per far crescere questo lembo d’Italia che è l’Abruzzo, nel benessere economico e sociale” conclude l’assessore Magnacca.

  • banca d'italia 2
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.