Banner Top
Banner Top

Operazione Histonium nel Vastese, la Corte d’appello condanna lo Stato a sborsare 35mila euro a due coniugi

 

 

La Corte d’Appello dell’Aquila, presidente Fabrizia Francabandera, relatore Alfonso Grimaldi, giudice a latere Raffaella Gammarota, accogliendo la richiesta dell’avvocato Marisa Berarducci ha stabilito che lo Stato dovrà risarcire M.S , 53 anni di San Salvo e la compagna D.D. di 52 anni perchè coinvolti ingiustamente nella vicenda e poi assolti. In particolare il danno più grave ed il risarcimento per la ingiusta detenzione riguarda M.S. .

Insomma, diciassette anni dopo l’operazione Histonium, il blitz dei carabinieri che portò a decine di arresti nel Vastese e fuori regione, continua a regalare colpi di scena.

A scriverlo, stamane, sulla pagina di Vasto del quotidiano dell’Abruzzo Il Centro, è la collega Paola Calvano.

L’uomo, che all’epoca dei fatti lavorava per la Tim, perse il lavoro e negli anni successivi faticò e non poco per trovare un altra occupazione a causa delle ingiuste accuse ricevute.

” Ha passato davvero un periodo durissimo , spiega l’avvocato Berarducci, dopo 17 anni  è finito un incubo “.

“Il processo di secondo grado sull’operazione Histonium, l’inchiesta su una presunta associazione a delinquere che portò magistratura e carabinieri ad arrestare nove persone nel 2007 e 17 nel 2008 nel Vastese e in Molise, si è chiuso a maggio 2022 con l’assoluzione da parte della Corte d’appello dell’Aquila di diversi imputati con la formula “il fatto non sussiste.” Fra loro anche M.S. e la moglie D.D.

“L’operazione Histonium – scrive Paola Calvano – era stata suddivisa in due filoni: il primo nel 2007, portò all’arresto di 9 persone, il secondo blitz invece scattò il 6 giugno 2008. Su ordine di custodia cautelare emesso dalla Procura di Vasto, i carabinieri eseguirono 17 ordinanze di custodia cautelare. Gli indagati erano accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata a commettere gravi reati, tra cui estorsioni, incendi, attentati dinamitardi, rapine, ricettazioni, usura e riciclaggio.

La posizione di M.S. era più leggera ma venne comunque arrestato .La moglie nonostante due bambini fini ai domiciliari poi revocasti con una misura meno afflittiva L’iter giudiziario era iniziato a Lecco, dove gli inquirenti ritenevano fosse stato commesso l’episodio più grave I giudici della Suprema corte stabilirono comunque lo spostamento del processo a Vasto. I diversi gradi di giudizio hanno sempre evidenziato l’estraneità della coppia. La Cassazione stabili l’assenza dei gravi indizi di colpevolezza. Da qui la sentenza risarcitoria.”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.