Banner Top
Banner Top

Attacco hacker server Asl L’Aquila, verso settimane blocco

Potrebbero volerci settimane per risolvere il blocco informatico alla Asl 1 Avezzano-L’Aquila-Sulmona. Una situazione che mette in affanno reparti e ambulatori di tutta la provincia che in questi giorni stanno lavorando utilizzando carta e penna, persino il fax.

Il caos informatico è stato provocato da un gruppo di cybercriminali riconducibile al cosiddetto “Gruppo Monti” che avrebbe trafugato materiale per centinaia di gigabyte. Con esattezza, il Centro elaborazione dati della Asl non è in grado di stabilire quanti e quali dati siano stati oggetto di hackeraggio.

Una task force è al lavoro nel tentativo di cercare di far fronte al blocco totale ai sistemi mentre, al contempo, si cercano di garantire servizi essenziali come terapie e ricoveri a partire dai soggetti più a rischio. L’attività del laboratorio analisi è ridotta sensibilmente e il centro trasfusionale ha difficoltà a processare le informazioni relative alle sacche di sangue.

“Si è trattato di un attacco di tipo ‘ransomware’ – spiega Walter Tiberti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione e Matematica (Disim) all’Università dell’Aquila -. In altre parole, abbiamo a che fare con un sistema in grado di entrare nei dispositivi criptando i dati per poi poter chiedere un riscatto per decriptare le informazioni”.

In altri casi, i dati vengono sottratti e spariscono dai server attaccati.

“Il problema – prosegue Tiberti – che anche pagando il riscatto non si ha garanzia del ripristino delle informazioni.

In maniera preventiva andrebbero fatte diverse operazioni di backup, se non sono state fatte prima adesso è già tardi”. Anche un backup non impedisce agli hacker di divulgare dati sensibili dei pazienti, come ecografie e positività da virus come Hiv.

Molto difficile secondo il ricercatore, “risalire alla ricerca dell’identità dei responsabili. Siamo nell’era di Chat Gpt ed è possibile cambiare indirizzo Ip in pochi istanti, così come generare immagini con intelligenza artificiale – sottolinea – sul web è molto difficile fare discernimento tra un’informazione vera o falsa. Si può solo fare prevenzione contro il cyber-crimine, ma la realtà è ben complicata”.

Foto e fonte Ansa Abruzzo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.