Banner Top
Banner Top

“Si destini un’area attrezzata come piccolo rifugio ad Orso, un cane randagio”, l’appello della Carugno al sindaco di Gissi, Agostino Chieffo

“Destinare una modesta area attrezzata come un piccolo rifugio, finalizzata allo stallo momentaneo di Orso, cane randagio che vive a Gissi, per metterlo al riparo da crudeltà e pregiudizio”.  E’ l’appello accorato che Anna Rita Carugno, delegata della Provincia di Chieti del Movimento Politico Ora Rispetto per tutti gli Animali, rivolge al sindaco di Gissi, Agostino Chieffo. Una lettera aperta indirizzata al primo cittadino, in cui l’animalista, chiede aiuto per un dolce cagnolone randagio che è stato abbandonato.

Egregio signor sindaco le scrivo questa lettera aperta poiché rappresenta la maggiore autorità  sanitaria competente nel suo territorio e come tale la prego di intervenire per trovare una soluzione”, scrive la Carugno, “Orso è un  cane randagio che vive nel suo comune. Noi come associazione Rispetto per tutti gli Animali, stiamo cercando di trovare un’adeguata adozione per evitargli ulteriori traumi, ma nel frattempo abbiamo bisogno del suo aiuto e di quello della comunità che rappresenta. Per simpatia lo abbiamo ribattezzato Orso. Nonostante la mole e la razza, è un animale buono, mansueto e malinconico. Chi gli porta da mangiare riferisce che non è aggressivo con nessuno, né con persone , altri cani (maschi o femmine), gatti e nemmeno verso altri animali.

Ha già subito ľabbandono, adesso è un essere indifeso che ha bisogno solo di un piccolo gesto di coraggio e solidarietà.

In qualità di rappresentante del Movimento Politico ORA, con la presente le chiedo di valutare la possibilità di destinare una modesta area attrezzata come un piccolo rifugio, finalizzata allo stallo momentaneo di Orso nel suo Comune in modo da evitare azioni di crudeltà gratuita da parte di chi soffre di pregiudizi.

I volontari o le persone di buon cuore della zona continueranno a prendersene cura fintanto ne sarà ospite. Credo che dedicare parte della sua esperienza a favore di chi non ha voce sia significativo e comunque resto a sua disposizione per qualsiasi suggerimento che possa salvare la vita di un innocente, ormai mascotte del Comune di Gissi. Colgo ľ occasione per porgerle i miei migliori saluti e attendo fiduciosa un Suo cenno. Grazie”.

Anna Bontempo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.