Banner Top
Banner Top

Chi salverà i pochi olivi secolari rimasti a San Salvo?

In passato il territorio sansalvese era circondato da boschi fitti di querce maestose. Dal bosco, la popolazione ricavava la legna per difendersi dai freddi inverni e per cuocere gli alimenti. Il bosco era popolato da molte specie selvatiche: cinghiali, lepri, volpi, daini, ricci, caprioli, puzzole, tassi, serpenti, marmotte.

ùLa fitta vegetazione offriva cibo e riparo a molte specie di uccelli: falchi, civette, merli, colombe, starne, tordi cardellini, gazze, gufi, fagiani. I cacciatori non tornavano mai a casa con il tascapane vuoto. Il bosco era la meta preferita della gente per le passeggiate domenicali a piedi e a bordo dei carretti.

Durante l’ultima guerra mondiale, un battaglione di soldati procedette a forti tagli per farne traversine ferroviarie. Nel 1950, l’amministrazione comunale di San Salvo concesse i predetti terreni in affitto a poco prezzo ai mezzadri e ai nullatenenti. Di quelle querce secolari solo una è presente nel giardino pubblico adiacente alla via Leone Magno. La regina del paese contribuisce alla pulizia dell’aria ed a fornire ossigeno Il territorio di San Salvo fino a pochi anni fa era ricco di olivi secolari.

Si assottiglia sempre di più il numero. Si possono trovare esemplari ancora vivi nelle immediate vicinanze di via Gargheta, Nuova Circonvallazione e via Terracini. Le motoseghe sono in agguato, pronte ad intervenire. Tagliare gli ulivi secolari per rivendersi la legna è un atto vile e assurdo. Bisogna intervenire prima che i nostri ultimi olivi secolari subiscano la stessa sorte delle querce.

Michele Molino

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.