Banner Top
Banner Top

Via libera della Commissione Assetto ed utilizzo del territorio al progetto Life Calliope

C’è il parere favorevole della Commissione Assetto ed utilizzo del territorio al Life Calliope, ma due componenti – Antonio Monteodorisio (Forza Italia) e Francesco Prospero (Fratelli d’Italia) – si sono riservati il voto in aula. Dopo un anno di stop, dovuto alla revisione della perimetrazione, il progetto di iniziativa europea che vede la Regione Abruzzo capofila e il comune di Vasto partner insieme all’Università del Molise, ha registrato una improvvisa accelerazione e la prossima settimana sarà al centro del dibattito in consiglio comunale.

L’assise civica è stata convocata dal presidente Marco Marchesani per lunedì 26 settembre alle 8, ma è destinato a slittare a martedì 27 settembre, alle 14.30, in seconda convocazione.

Prima di approdare in aula, il Life Calliope, che prevede l’estensione a mare della riserva di Punta Aderci, è stato oggetto di discussione in Commissione. Ad imprimere l’improvvisa accelerazione è stata la scadenza imposta dalla Regione.

Abbiamo avuto un incontro con la dirigente Serena Ciabò ed in quella sede mi sono impegnato a portare il progetto in consiglio comunale entro il 30 settembre”, spiega l’assessore alle politiche ambientali, Gabriele Barisano, “i ritardi sono da ricondurre alla revisione della perimetrazione che è stata oggetto di varie riunioni con i portatori di interesse, tra cui la Capitaneria di porto”.

Il Life Calliope nasce come progetto bilaterale Italia-Cipro dedicato alla riqualificazione degli ambienti costieri e alla loro tutela. Prevede sia la realizzazione di passerelle sulle dune e la bioricostruzione degli ambienti dunali distrutti, sia l’istituzione di nuove aree della Rete Natura 2000 e l’ampliamento a mare di altre aree che hanno i requisiti. La tutela si fonda sul rinvenimento di habitat considerati di interesse comunitario, cioè ambienti ritenuti rari nell’Adriatico e nel Mediterraneo.

Sono state trovate, in particolare, delle praterie sommerse molto ricche di biodiversità – molluschi e crostacei – a ridosso del promontorio di Punta Aderci e delle formazioni di coralli lungo le scogliere. Se i ricercatori dell’Università del Molise hanno compreso subito l’importanza della estensione della tutela a mare, la politica si è trovata a dover conciliare le posizioni dei diversi portatori di interesse. Un lavoro di mediazione che ha causato ritardi, con il rischio, paventato a più riprese dal Forum civico ecologista, di perdere i finanziamenti assegnati: 97mila euro per la realizzazione di passerelle di legno e per la riqualificazione degli ambienti dunali e costieri. Dell’iniziativa si parla dal 2017, da quando il Comune di Vasto partecipò ad un bando.

Da allora ci sono stati diversi passaggi culminati nella rivisitazione del progetto, che ha subito un drastico ridimensionamento.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.