Banner Top
Banner Top

Esplosivi, reagenti e candelotti: la santabarbara in due abitazioni

Tre chili di polvere pirica, due di precursori (materiale da miscelare per il confezionamento di esplosivi), decine di candelotti già riempiti e altri ancora vuoti. E’ questo quanto è stato sequestrato venerdì dai carabinieri in due appartamenti del centro cittadino. Parte del materiale era custodito da un adolescente. Il ragazzino e il padre, un tranquillo professionista vastese, abitano in due case diverse ed i militari hanno dovuto perquisirle entrambe. L’operazione è stata lunga e delicata ed ha richiesto l’impiego di decine di uomini.
Sia il padre che il figlio dovranno rispondere al momento di detenzione illegale di materiale esplodente. La loro posizione potrebbe aggravarsi qualora nel corso delle indagini venisse scoperta una destinazione illecita del pericoloso materiale. Al momento infatti non sembra che i due volessero confezionare esplosivi a scopo commerciale.
Ad occuparsi dell’adolescente sarà la Procura per i minori dell’Aquila a cui il ragazzo è stato deferito. Il padre è stato invece denunciato alla Procura della Repubblica di Vasto. L’uomo non ha precedenti.
I carabinieri hanno scoperto quello che accadeva a casa del professionista e del figlio nel corso di una attività di indagine su account dediti alla vendita on line di materiale esplodente.
“Le sostanze che abbiamo sequestrato sono potenzialmente distruttive. Se assemblate possono essere utilizzate anche per attentati dinamitardi”, ha spiegato il maggiore Amedeo Consales, comandante della Compagnia di Vasto.
Al momento quale uso i due intendessero fare dei candelotti e della grande quantità di polvere pirica non è noto.
Per il prelievo e per il trasferimento del carico, i  militari hanno richiesto l’arrivo degli artificieri del reparto operativo di Chieti, dei Vigili del fuoco e del 118. Il carico è stato trasferito in una cava sulla Trignina e fatto brillare.
Non è escluso che subito dopo Ferragosto sia il ragazzo che il padre vengano ascoltati dai carabinieri. Potrebbe però essere anche il loro legale a preparare una memoria difensiva.
Paola Calvano
Visualizzato da Paola Calvano alle 08:13
Invio
Scrivi a Paola Calvano
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.