Banner Top
Banner Top

Lite nel ristorante, ora scattano le denunce

La donna di Casalbordino che ha raccontato di essere stata colpita da una coppia di clienti che le doveva dei soldi all’interno di un ristorante, è stata denunciata dai presunti aggressori secondo i quali sarebbe stata lei ad aggredirli e non viceversa. I due si sono rivolti agli avvocati Raffaele Giacomucci e Isabella Mugoni ed hanno firmato una querela contro la commerciante.

Toccherà dunque ad un giudice stabilire la verità tenendo conto anche dei referti del pronto soccorso. La commerciante di 45 anni ha raccontato che trovandosi casualmente faccia a faccia con il debitore e la moglie ha ricordato loro il debito invitandoli a saldarlo. La risposta dell’uomo sarebbe stata una risata beffarda e poi un pugno sul volto della commerciante.

Subito dopo l’accaduto la coppia si sarebbe allontanata e la donna ha raggiunto invece il San Pio di Vasto per i soccorsi.

La versione della donna è stata contestata e smentita dalla coppia. “I nostri clienti hanno invitato la signora ad uscire dal negozio. Una volta fuori la discussione è proseguita”, affermano i legali Giacomucci e Mugoni. “La signora ha continuato ad offendermi. Il mio compagno infastidito dalle parole pronunciate alla presenza dei nostri due bambini ha replicato duramente alle offese. E’ stata la donna ad avvicinarsi e a dargli due schiaffoni. Poi si è avvicinata a me strattonandomi e prendendomi per i capelli. Ho perso l’equilibrio e sono caduta a terra e anche la donna è caduta. Aiutata a rialzarsi ha iniziato a gridare chiedendo aiuto e simulando un’aggressione. Per paura di quello che poteva essere accaduto al feto, io sono andata al pronto soccorso”.

Secondo la coppia quindi non è vero che la commerciante sarebbe stata presa a pugni. Una storia dunque tutta da ricostruire. Importante sarà la testimonianza della persona che era alla cassa del negozio di via Del Porto a Vasto in cui è avvenuta la discussione.

I nostri clienti hanno richiesto la sua dichiarazione. Ritengono di essere stati danneggiati moralmente e materialmente e per questo preannunciano anche una eventuale costituzione di parte civile”.

Una mano potrebbero arrivare dalle telecamere della videosorveglianza che sono all’interno e all’esterno del locale. Le immagini racconteranno cosa è accaduto e chi delle due parti ha ragione.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.