Banner Top
Banner Top

Fermo Sevel, le parole del segretario interregionale Abruzzo-Molise, Amedeo Nanni

Dichiarazioni di Amedeo Nanni segretario interregionale Abruzzo-Molise sul fermo Sevel:

La situazione è davvero preoccupante e rischia di diventare disastrosa nelle prossime settimane, a rimetterci sono i lavoratori di sevel e indotto con contrazione di salari e in particolar modo i somministrati con perdita di posto di lavoro. Se si vogliono dare prospettive future a un tessuto industriale sfibrato il nostro paese insieme all’europa ha il compito di rendersi indipendente dai paesi come Cina e paesi dell’est e iniziare a investire nelle aziende presenti in europa al fine di produrre internamente i semiconduttori per vetture e elettrodomestici.

La situazione attuale con una guerra assurda e una crisi economica mondiale ci impone di ripensare alle scelte necessarie e all’importanza di rimettere in moto le produzioni del nostro paese. Sarà importante spendere bene i soldi previsti dal Pnrr che può essere l’ultima opportunità per creare le condizioni di rilancio del paese Italia e dell’Abruzzo.

La politica deve creare le condizioni attraverso investimenti sulle infrastrutture, su fonti energetiche green alternative con particolare attenzione alla transizione ecologica per mettere in sicurezza le aziende del territorio che oggi devono confrontarsi con la concorrenza.

Il Pnrr è una grande opportunità che sicuramente non si ripeterà e se vogliamo davvero il rilancio del nostro territorio nell’interesse di tutti i lavoratori, dovremo monitorare affinché i soldi del Pnrr vengano ben spesi.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.