Banner Top
Banner Top
Banner Top

Laudazi sulla variante: “Posizioni assurde su una strada chiara”

Alcune riflessioni “ a freddo” sulla Variante  vastese alla S.S. n. 16 , dopo aver fatto sbollire le strumentalizzazioni della politica . Si è notato che sono in molti quelli che hanno voluto dissertare – spesso a sproposito – sul problema viario e sul suo relativo tracciato. Ricordiamo che  , nel territorio di Vasto, la strada  statale presenta un tasso di elevata insicurezza ed una incidentalità  altissima e che occorre svincolare il litorale vastese sia  dal traffico, di attraversamento di lunga percorrenza Nord –Sud  e ritorno , sia dal collegamento tra le Zone industriali di Porto di Vasto e San Salvo.

Esiste già un progetto ed  è stata già deliberata, in Consiglio Comunale, la assoluta necessità di arretrare l’attuale viabilità della S.S. n. 16 e di scavalcare la città, collegando le zone adiacenti ai Caselli autostradali Vasto Nord e  Vasto Sud con una bretella realizzata lungo il Sinello , per passare sotto Sant’Antonio Abate e ridiscendere verso la loc. Selvotta, per servire anche  l’area del nuovo Ospedale e la stazione FF.SS e  per poi ricollegarsi al tratto di Strada Statale che arriva dal vicino  Molise .

Niente di più chiaramente definito.  Ma  Anas – nonostante tutti i dinieghi ricevuti – insiste a voler restare sulla viabilità esistente, per la maggior  parte dei circa 19 chilometri del suo attuale tracciato sul nostro territorio, ed   opera ottusamente ,  nel tentativo di  trasformare la Variante di Vasto nella Minivariante di Vasto Marina , addirittura da realizzare per stralci  – non a valere  sul nuovo tracciato necessario -, ma   restando sul  tracciato esistente, che lascia immutati  i problemi, proprio nel tratto più conflittuale alla Marina  .

Una assurdità progettuale e comportamentale che risulta molto penalizzante per la economia,  il turismo e l’ambiente vastese e per la credibilità amministrativa.

Invece, a fronte di una soluzione che non ha alternative ragionevoli , si sono divise Vasto e San Salvo , si è disarticolato il Consiglio Comunale di Vasto e si continuano ad osservare gli interventi, scomposti e immotivati  ,   di numerosi rappresentanti della politica locale e regionale , rispetto a decisioni consolidate negli anni e che riflettono il volere della intera popolazione .       Una lotta tra poveri, senza risultati pratici e sulla pelle della gente.

Sul tracciato, però,  decidono i vastesi ; Anas dovrà recedere da  un percorso che non soddisfa  le esigenze della collettività vastese e  dovrà ripensare il  progetto definitivo, per ottenere una soluzione stradale che unisca  il territorio  e ne risolva tutti  i problemi .

La nostra costa ha , infatti  ,  bisogno sia degli aggiustamenti viari proposti  alla attuale strada costiera tra Loc.  Zimarino e Porto di Vasto e  tra Vasto Marina e San Salvo,  sia – soprattutto – di una Variante  alla S.S. 16 che funga da Circonvallazione esterna territoriale  , come Anas ha già fatto in tutto il litorale adriatico e come deve fare anche  a Vasto . Punto .

Insista il Sindaco di Vasto -Presidente della Provincia di Chieti a difendere le ragioni della popolazione e a tutelare il nostro futuro, con chi ci sta e contro chiunque ci ostacola.

Il Nuovo Faro – Dott. Ing. Edmondo Laudazi

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.