Banner Top
Banner Top
Banner Top

Malore davanti casa, muore a Casalbordino 41enne

Si è seduto sotto il portico di casa sua e ha chiamato il 118, ma Nicola Galante, risoratore di Casalbordino, amante ed appassionato di calcio, è morto poco dopo a 41 anni. Il suo cuore, che già in passato aveva fatto i capricci, ha smesso di battere. Grande il dolore in paese ma anche a Pescara e a Ortona, la città in cui lavorava da quando a causa del Covid aveva dovuto chiudere il suo ristorante a Casalbordino.

I problemi di cuore Nicola Galante erano cominciati 10 anni fa. “Nicola – dice il consigliere comunale Alessandro Santoro, patron dell’Apd Casalbordino – aveva solo 31 anni quando ebbe un infarto. Allora riuscì a sopravvivere. Per me era più di un amico. Era la colonna portante dell’Apd Casalbordino. Per colpa del Covid aveva chiuso il ristorante che gestiva in paese e ora lavorava in un agriturismo nella frazione Caldari di Ortona”.

Nei prossimi giorni avrebbe dovuto fare una nuova visita specialistica, ma il suo cuore si è fermato prima.

Tanti i messaggi di cordoglio che sono arrivati alla madre Giovina e alla sorella Pina. Oggi per Casalbordino è il giorno dell’ultimo saluto a Nicola Galante. La cerimonia funebre si terrà alle 15 nella basilica della Madonna dei Miracoli.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.