Banner Top
Banner Top
Banner Top

Di Florio lancia l’allarme: “Il Vastese a rischio infiltrazioni criminali”

Il Vastese è un territorio esposto al pericolo di infiltrazioni criminali. Lo denuncia, ormai da tempo, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Vasto, Giampiero Di Florio che, in occasione dell’inaugurazione del nuovo anno giudiziario dal presidente della Corte d’Appello dell’Aquila , Fabrizia Francabandera, coglie l’occasione per ribadire che con la soppressione del Tribunale e della Procura di Vasto rischia di divenire terreno di conquista della malavita organizzata.

“C’è un pericolo concreto di infiltrazioni criminali per la vicinanza ad aree ad alta concentrazione malavitosa e per l’insediamento di soggetti appartenenti alla criminalità organizzata campana e calabrese“, ha affermato il presidente Francabandera.

La mafia pugliese, calabrese e campana ci provano da anni. A dimostrarlo sono i fatti. Il Tribunale di Vasto ha celebrato in fase dibattimentale, un complesso ed articolato procedimento per gravi fatti intimidatori ai danni di imprenditori (processo cosiddetto Histonium).

L’Unione delle Camere penali e il Consiglio dell’ordine degli avvocati continuano a ribadire che “il Tribunale di Vasto rappresenta l’ultimo baluardo, l’ultima difesa del territorio. La sua soppressione”, si legge in una nota delle Camere penali “è frutto di miopia del legislatore. L’eliminazione del tribunale di Vasto e degli altri tribunali definiti minori, è un atto non conciliabile con alcun principio di corretta amministrazione della domanda di giustizia del cittadino”.

Paola Calvano

immagine di repertorio

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.