Banner Top
Banner Top
Banner Top

“Il fiore del deserto”, un’opera a cavallo di due generazioni di Mauro Còlivi

“Correva l’anno 1998 quando fu dato alle stampe, per i tipi di Mario Adda Editore di Bari la prima edizione de “Il Fiore del deserto”. Era l’anno del Bicentenario della nascita di Giacomo Leopardi e ritenevamo, come riteniamo ancora, che negli scritti del poeta-filosofo i giovani del Terzo millennio avrebbero potuto trovare risposte e soluzioni al proprio disagio esistenziale…”

Comincia così la prefazione alla seconda edizione de “Il fiore del deserto” curato da Mauro Còlivi ed edito da “Il Torcoliere”.

Oggi, come allora, il volumetto ha trovato posto nella prestigiosa biblioteca del Centro Nazionale Studi Leopardiani ed è stato messo in vendita nella libreria di Casa Leopardi, riconoscendone così le qualità ed il rigore critico-letterario.

Se il titolo “Il fiore del deserto” richiama la lirica de “La Ginestra”, così come ben raffigurata in copertina in un disegno della giovanissima Laura Del Casale, il sottotitolo dell’opera è il seguente: “Il disagio giovanile nell’era digitale e della crisi climatica attraverso la grande prosa del Leopardi”. Il volume infatti è dedicato in particolar modo agli adolescenti affinché possano trovare una “corrispondenza d’amorosi sensi” con la filosofia leopardiana che fornisce la giusta forza per reagire ad una delle fasi più delicate dell’esistenza umana.

Rispetto alla prima edizione, sono state introdotte due nuove tematiche su cui il Recanatese si è speso molto nei suoi scritti: il progresso e l’impegno civile. Mai come oggi l’umanità ha infatti raggiunto  livelli così elevati di progresso tecnologico e mai questo progresso non solo non ha portato la felicità, come sosteneva Leopardi attirandosi le feroci critiche degli intellettuali suoi contemporanei, ma costituisce la causa prima della crisi climatica in atto che mette a rischio il futuro delle nuove generazioni.

Il volumetto però esorta gli stessi giovani, sempre attraverso gli scritti del poeta-filosofo,  all’impegno civile per un cambiamento radicale del vivere sociale.  Trovano così posto, in questo scritto,  i giovani del Friday For Future, il problema dell’allungamento della vita, o meglio della vecchiaia come si mette in luce, ed il fatto che, in era analogica o digitale, l’adolescenza è sempre uguale.

In conclusione dobbiamo dire che si tratta di un’opera la quale, seppur dedicata ai giovani e agli adolescenti, risulta una buona  lettura anche per gli adulti grazie alla capacità di indurre alla riflessione circa il significato dell’esistenza umana.

Cesare Vicoli

Riferimenti dell’opera

Autore: Mauro Còlivi

Titolo: Il fiore del deserto

Sottotitolo:  il disagio giovanile nell’era digitale e della crisi climatica attraverso la grande prosa del Leopardi

Numero pagine: 80

Casa Editrice: Il Torcoliere

Anno di pubblicazione: Dicembre 2021

Prezzo: € 7,50

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.