Banner Top
Banner Top

San Francesco, se ne parla giovedì in Commissione vigilanza

Verrà discussa giovedì 2 dicembre alle ore in Commissione vigilanza la vicenda della Fondazione Padre Alberto Mileno onlus di Vasto Marina. In merito saranno ascoltati l’assessore regionale alla sanità, Nicoletta Verì, il direttore Generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, i rappresentanti della Fondazione Padre Alberto Mileno Onlus, i rappresentanti sindacali di CGIL FP, CISL FP e UIL FP e le RSA delle organizzazioni sindacali.

E’ noto che la cassa integrazione per i 276 dipendenti del San Francesco scadrà il 31 dicembre. Sull’argomento era intervenuto anche il sindaco di Vasto, Francesco Menna che aveva ribadito la forte preoccupazione per la sorte dei 276 lavoratori che rischiano di perdere il posto di lavoro. “La successiva riduzione di personale ridurrà anche l’importante e necessario servizio che la struttura offre agli utenti di Vasto e del Vastese”, aveva sottolineato Menna intenzionato a chiedere un Consiglio comunale straordinario con la presenza dell’Assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, del Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, dei rappresentanti politici regionali locali di maggioranza e di opposizione, delle sigle sindacali e delle istituzioni locali “al fine di trovare una soluzione che eviti i licenziamenti dei lavoratori e la successiva riduzione degli efficienti servizi che la struttura ha sempre garantito”.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.