Banner Top
Banner Top

Belvedere Silvio Pretoro, tre associazioni chiedono chiarezza

In data 8 luglio 2020, sulla base della Legge n. 1188/1927 seguita da Circolare Ministeriale Ministero degli Interni n. 10/1991, la Giunta comunale di Vasto, approva la delibera n. 138 recante il titolo: «Toponomastica – intitolazione di n. 18 aree di circolazione, di n. 7 ville e un parco pubblici, dello stadio del nuoto comunale, di un campo sportivo da calcio, di una pista ciclopedonale e di un’arena comunale – Determinazioni»

La delibera viene approvata con decreto prefettizio n. 60195, 6 agosto 2020. Ciò sulla base della legge n. 1188/1927 che recita: «L’intitolazione di nuove strade e piazze pubbliche, la variazione di quelle già esistenti, nonché l’approvazione di targhe e monumenti commemorativi a persone decedute da oltre dieci anni, può avvenire solo dietro autorizzazione del Prefetto».

Al punto XIV della delibera di giunta si legge quanto segue: «Parco pubblico non denominato innestato nell’area residenziale comunemente denominata Belvedere Romani confinante con via Peschiera, Largo Belvedere Romani e via Curtatone».

Il cosiddetto Parco pubblico non denominato con la nuova denominazione assume il titolo di Belvedere Silvio Petroro.

Il Parco Silvio Petroro viene inaugurato un anno dopo la delibera, il 7 agosto 2021.

Alcune considerazioni.

Nella delibera in questione, il Parco non denominato risulta confinante a sud con il Largo Belvedere Romani. E qual è la differenza tra il primo e il secondo? Ciò vuol dire che il Largo Belvedere Romani continuerebbe a sussistere? E in che modo continuerebbe se è vero che il manifesto comunale di inaugurazione pone il luogo in via Francesco Crispi sul cui limite peraltro è stata posta la nuova targa toponomastica? Un vero pasticcio. Ma fermi restando alla delibera dell’8 luglio 2020, quali dovrebbero i confini del Parco non denominato e quali quelli del Largo Belvedere Romani? Insomma, occorrerebbe quanto meno un minimo di chiarezza per chiarire l’effettivo ambito di localizzazione delle denominazioni.

Come già detto, il segno della nuova intitolazione è posto sul limitare di via Francesco Crispi. Se è questo il confine, dove si dovrebbe trovare, per la Giunta, il Largo Belvedere Romani di cui fa menzione nella delibera? Coinciderebbe forse con l’attuale largo della Rotonda di Porta Nuova chiamato via Crispi? Per cortesia, è possibile sciogliere l’enigma racchiuso nella delibera?

Si chiede troppo se con una matita vengono chiariti i confini richiamati dalla delibera stessa? Difficoltà non esistono per via Peschiera (est) e via Curtatone (ovest). Ma per Largo Belvedere Romani, sì. Perché solo delimitando quest’ultimo (che risulta essere un blocco unico stando alla mappa catastale del 1870), si può ricavare per sottrazione qual è «l’area residenziale comunemente denominata Belvedere Romani». Scusateci se ci ripetiamo: ma vorremmo capire. Qual è la differenza tra «l’area residenziale comunemente denominata Belvedere Romani» e il Largo Belvedere Romani con cui confinerebbe.

La delibera approvata comporta delle dichiarazioni che devono essere topograficamente precisate. Occorrerebbe un segno di matita su di una carta 1:2000. Un semplice tratto di matita, per cortesia. Una delibera di questo genere non può non essere esibita senza una qualche consistenza topografica.

Ecco allora il punto: chiediamo innanzitutto all’Amministrazione di dare conto alla città dei confini da essa stessa denominati e approvati. Le eventuali targhe possono essere apposte solo se si sa di quale luogo si parla. In secundis, come avrebbe detto il grande Totò, procedere in qualche piccola notazione storica.

Ora, forse non tutti sanno che a Vasto esiste un Archivio Storico Comunale. E che in esso sono conservate delibere (con lacune) dal 1559 (proprio così, 1559!) fino al 1961. Non solo. Ma esiste un libro senza autore pubblicato nel 2015 dall’Amministrazione Comunale con l’elenco delle delibere comunali dal 1869 al 1961. È vero che nessuno è tenuto a leggere un libro di dati. Ma pur senza recarsi in Archivio (per giunta chiuso) qualcuno avrebbe trovato a pag. 44 l’opportunità di leggere seguente attestazione: «28 ottobre 1872. n. 139. Modifiche alle legende nelle etichette delle strade (elenco)». Di che cosa si tratta? Presto detto! Della delibera n. 139 (ma guarda caso! un numero in più della delibera n. 138 dell’8 luglio 2020) con cui si rinnova la denominazione toponomastica urbana postunitaria dopo la presa di Roma del 20 settembre 1870. Ovviamente non è pubblicato il testo del documento. Ma per l’Amministrazione comunale di Vasto non sarebbe stato difficile accedere in Archivio, dato che è essa stessa a concedere l’autorizzazione ora che l’Archivio è chiuso. Avrebbe trovato che la delibera n. 139 del 28 ottobre 1872, al punto 114 (e non 14, come quella dell’8 luglio 2020) non modificava la precedente denominazione Belvedere Romani (già attuata nel 1854, essendo Francesco Romani morto nel 1852).

Insomma, senza indicazioni precise si corre il rischio di eliminare un’indicazione toponomastica ufficiale vecchia al 2020 di ben 166 anni. Si tratta, in effetti, di eliminazione, perché insieme con la targa del nuovo intestatario in non esiste alcuna indicazione del precedente come risulta dalla delibera del 2020. Insomma, pur parlando di coesistenza di un Largo Belvedere Romani con il Parco più volte citato, la Giunta non ha dato attuazione alla delibera da essa stessa approvata.

Stando così le cose, le associazioni firmatarie di questo documento procedono a

  1. inviare al Prefetto la delibera del 28 ottobre 1872 e copia della parte di mappa catastale del 1870 il cui originale la segreteria di S. E. potrà trovare, per verifica, presso l’Archivio di Stato di Chieti. Ciò per consentire l’annullamento dell’autorizzazione concessa al solo punto 14 della delibera di giunta 8 luglio 2020 Si evita cosi di procedere a una doppia nominazione;
  2. inviare all’Amministrazione Comunale in carica i predetti documenti per procedere alla revoca della delibera del 28 ottobre 1872 in carica per attuare, con le necessarie motivazioni, la sostituzione toponomastica;
  3. In questo modo, la Giunta Comunale di Vasto potrà raggiungere con tranquillità l’annullamento di 166 anni di storia e di aprire la via maestra al nuovo che avanza.

Pro Loco “Città del Vasto”

Italia Nostra del Vastese

 Associazione Civica “Porta Nuova” – Vasto

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.