Banner Top
Banner Top

Cordisco su comitato dei sindaci: “Pretestuosi i tentativi del centrodestra di rinviare la costituzione dell’organismo”

“Vista l’ampia partecipazione all’Assemblea da parte dei sindaci di tutto quanto il comprensorio provinciale di riferimento per l’Asl 2, sarebbe stato inutile e del tutto inaccettabile rinviare ancora la ricostituzione del Comitato ristretto dei sindaci, che è rimasto sospeso e inattivo per ben nove mesi. Questo ha cercato di fare il centrodestra oggi durante l’assemblea, accampando giustificazioni di facciata, come le imminenti elezioni, le quote rosa e fantomatiche modifiche da approntare al regolamento. La verità è che volevano tempo per ricomporre la spaccatura al loro interno, visto che non sono riusciti a trovare un candidato unico all’ingresso nel Comitato ed erano divisi fra Guardiagrele e Ortona. Andare avanti era indispensabile, all’appuntamento di oggi dovevano venire preparati, non pronti solo a fare bagarre”, così il segretario provinciale del Pd Gianni Cordisco.

“I Comuni aspettavano da troppo di tornare ad avere voce nella programmazione finanziaria e amministrativa della Asl 2, come il regolamento assicura ai componenti del Comitato ristretto, a maggior ragione per esprimere le valutazioni sulla dirigenza Asl, attese a settembre di ogni anno – riprende Cordisco – Il tentativo di far slittare tutto era una strategia che forse puntava a esautorare proprio questa funzione, producendo l’ennesimo affronto all’operatività di un organismo che non può restare inerte, sia per le condizioni in cui versa la sanità del territorio, sia alla luce dell’importanza dei passi da fare per la ripresa.

I risultati emersi dalla discussione dell’assemblea non sono che l’applicazione di regole che qualcuno avrebbe voluto cambiare in corsa o, peggio, riscrivere a proprio vantaggio per coprire l’indecisione di una compagine che ormai a causa delle lotte di potere svela sempre più le sue crepe. Si è cercato di arrivare a un accordo, disatteso alla fine proprio da chi lo aveva proposto, perché incapace di esprimere una candidatura unica per la minoranza da recepire nel comitato. Questi sono i fatti, tant’è che alcuni esponenti di centrosinistra hanno votato per i sette candidati, Guardiagrele e Ortona inclusi, ma i proponenti avevano ormai abbandonato l’aula, costringendo Guardiagrele a ritirare la sua candidatura, una volta non ottenuto l’obiettivo per cui avevano partecipato in massa, ovvero guadagnare tempo, fare in modo che il Comitato non si ricostituisse. Se avessero votato come abbiamo fatto anche noi, che avevamo aperto alle loro istanze, oggi avrebbero un Comune nel Comitato. Ora dobbiamo garantire l’impegno di rappresentare tutti in seno a una Asl che ci ha dimenticati”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.