Banner Top
Banner Top

“Ciao Guido, ora continua a sorriderci dal cielo”

“Ciao Guido, ora ti lasciamo andare. Prega per tutti noi e continua a sorriderci dal cielo. Arrivederci, a Dio”. Con queste parole don Massimiliano Civinini ha concluso la sua omelia per salutare per l’ultima volta in questo mondo terreno, Guido Cerulli, il 21enne che domenica scorsa ha perso la vita in un tragico incidente sulla Statale 16 all’incrocio con via Trave.

Parole toccanti e commoventi quelle pronunciate da don Massimiliano dinanzi a coloro che hanno voluto portare il loro saluto e si sono voluti stringersi attorno ai genitori Nicoletta e Alfonso e al nonno Giovanni.

Toccanti e commoventi anche le parole della mamma Nicoletta che ha ringraziato quanti presenti e ha ringraziato quanti hanno espresso parole e mostrato loro vicinanza in questa immane tragedia che ha portato via per sempre sulla Terra, il loro amato Guido.

Dio ci chiede di non temere – ha continuato il parrocco nella sua omelia- perchè lui è e rimane il Dio della vita e della resurrezione sulla morte. Rimane il Dio ferito sulla croce capace di guarire ogni nostro dolore. Tu Guido ci rimandi alla speranza, sei e rimarrai un giovane pieno di sogni e di passioni”.

“Diversi i tatuaggi incisi sulla tua pelle. Uno di questi – continua il parrocco- mi ha segnato. Una corda a forma di chiave di violino che racchiudeva in se l’amore per il mare, per la musica, ma che ha anche un significato recondito: essere corda a cui aggrapparsi. Perché questo volevi essere tu: una corda per tante persone. E questo è anche il motivo per il quale avevi scelto di diventare bagnino: volevi gettare una corda a chi avrebbe potuto ritrovarsi in difficoltà, ma io aggiungo che tu volevi anche sentire Dio come una corda a cui aggrapparsi perché anche se a volte con Lui ci discutevi, non hai mai messo in discussione il suo amore per te e il tuo amore per lui”.

Ha poi rivolto un pensiero ai genitori, Nicoletta e Alfonso. “Non si spezzano i legami di affetto. L’amore che provate e che sentite dentro rimane. Guido non è e non sarà mai lontano. Sarà sempre in un angolo prezioso del vostro cuore. Nonostante il tanto dolore, avete ancora tanta fiducia negli uomini e in Dio”.

Si è infine rivolto ai giovani. “Guido ha lasciato un segno indelebile in ciascuno di noi e in quelli che lo hanno conosciuto. In questi giorni avete postato tante storie su Instagram quale segno di affetto, ma a voi oggi dico con forza e ve lo direbbe anche Guido di non vivere la vita come una storia postata su Instagram che poi si perde, scade e sparisce dopo sole 24 ore. Ma lasciate un segno indelebile nel mondo. Guido ha lasciato il suo piccolo segno, ora tocca a voi. Non piangetelo e basta. Non restate alla finestra a guardare il mondo che passa e corre. Andate e lasciate il vostro segno in questo mondo”.

Al termine della Santa Messa, Guido è stato salutato con palloncini bianchi che sono stati liberati in cielo.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.