Banner Top
Banner Top
Banner Top

Truffa aggravata e falso, sequestro preventivo per un professore dall’Università D’Annunzio di Chieti

Nella giornata odierna, militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e della locale Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Chieti, stanno eseguendo un provvedimento di Sequestro Preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Chieti, nei confronti di un professore ordinario dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, per ipotesi di reato di truffa aggravata e falso.

In particolare, dall’attività di indagine è emerso il totale inadempimento degli obblighi didattici a carico del citato docente previsti dai piani di studio dell’Ateneo.

Dalle dichiarazioni degli studenti, dei collaboratori di cattedra, sentiti in atti, e dall’analisi documentale acquisita presso l’Università in parola, è emerso che il professore, per l’intero anno accademico 2016/2017, 2017/2018 e per il primo semestre del 2018/2019, ha omesso di svolgere le lezioni frontali previste e dovute, affidate in via sistematica ai suoi collaboratori, cultori della materia e non.

È stato, altresì, accertato che il professore, nel periodo dicembre 2018-luglio 2019, ha falsamente attestato sul registro delle attività didattiche, di aver svolto una serie di attività in favore degli studenti (esami, ricevimento studenti, lezioni ed esercitazioni), attività in realtà mai svolte.

Infatti dalla comparazione delle annotazioni riportate sul citato registro e dalle celle agganciate dall’utenza in uso al docente, è emerso che quest’ultimo risultava fuori sede ovvero in Comuni limitrofi, ed in alcuni casi neanche in Abruzzo.

Inoltre, è stato accertato che il professore, mediante mendaci dichiarazioni attestate nell’istanza presentata all’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti–Pescara, tendente ad ottenere l’attribuzione degli scatti stipendiali, otteneva l’esito positivo da parte della Commissione per la verifica dei soggetti ammissibili all’attribuzione degli scatti stipendiali e, dunque, la conseguente liquidazione degli emolumenti, sia in termini di arretrati che di quota mensile.

Tali illecite condotte hanno permesso all’A.G. di richiedere l’applicazione della misura cautelare del sequestro equivalente al profitto illecitamente conseguito pari ad oltre 130.000 euro.

L’intervento del Corpo rimarca, ancora una volta, il ruolo della Guardia di Finanza quale polizia economico-finanziaria capace di garantire il controllo sull’efficace gestione delle risorse destinate agli obiettivi di politica sociale stabiliti dall’Autorità di Governo.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.