Banner Top
Banner Top
Banner Top

Pancia si pancia no

Basta farsi una passeggiata in spiaggia per osservare una valanga di pancette e di pancioni. Sono di tutte le fogge: “a pallone”, “a pera”, “a cocomero”, “a ventricina”, “a botte” “a melone”,  “da merlo”,  “da commendatore”.  E’ l’ossessione degli uomini e delle donne.  Si usa dire a San Salvo: si  fatt la pànz’!  Il momento più critico è  quando il primo giorno in spiaggia c’è bisogno di   indossare il costume da bagno. La pancetta da commendatore  è passato di moda. Infatti, da un’indagine conoscitiva,  si è scoperto che  molti  odiano la famigerata pancetta tipica degli uomini, ma  prediligono  il partner con la pancia tonica e piatta.

In passato era difficile incontrare  persone con il pancione (tolte le mamme incinte).  C’è  un perché:  la popolazione  si nutriva essenzialmente di ortaggi e legumi : cicuréll,,  chicàcce, papémbile,  tenn di làss,  fuijaràpe, fasciùle e cece; la carne e il pesce si mangiava solo ad ogni morte di Papa. Molti fanno diete pazzesche per eliminare la pancia prorompente. Poiché le diete non funzionano sempre, sarebbe bene ricorrere alle ricette di una volta e seguire l’antico proverbio: si la pànz  vu ‘ssimà, li  fuijaràpe adà magnà.  (Se vuoi eliminare la pancetta,  devi mangiare le foglie di rape).  Molte donne ritengono  che  i panciuti sono  più sensuali. Secondo  alcuni studi, gli uomini con l’adipe sulla pancia,  si ammalano poco  e  vivono più a lungo.

 Michele Molino

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.