Banner Top
Banner Top

Aggredito verbalmente il presidente della Regione Molise, Toma. Setto nasale rotto per il suo collaboratore

Aggressione verbale al presidente della Regione Molise, Donato Toma, e setto nasale rotto per il suo collaboratore Maurizio Tiberio. L’episodio ieri a Campobasso in un ristorante del centro. Due ragazzi hanno inveito contro il governatore che era a pranzo rivolgendogli frasi offensive. Nel contempo Tiberio è intervenuto invitandoli a smetterla altrimenti avrebbe avvisato le forze dell’ordine, ma è stato aggredito con una violenta testata che gli ha procurato la frattura. Trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli è stato sottoposto ad accertamenti da parte dei sanitari. Da quanto si apprende gli aggressori sono stati individuati e identificati.

“Siamo di fronte ad atteggiamenti, gesti e parole che vanno condannati nella loro forma e nella loro sostanza, sempre e comunque, e che non appartengono alla dimensione morale e culturale della nostra città”. Così il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, in relazione all’aggressione subita oggi dal presidente della Regione Molise, Donato Toma, e dal suo collaboratore Maurizio Tiberio.

A nome mio personale e dell’Amministrazione comunale tutta – le parole di Gravina – esprimo la nostra solidarietà restando profondamente dispiaciuto per l’attacco che hanno dovuto subire. Ne approfitto anche per ricordare che a Campobasso non c’è posto per gesti e parole di odio e per chi ne fa uso”.

Ansa

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.