Banner Top
Banner Top

Detenuto in permesso premio rapina un medico della Asl

La mattinata del 29 aprile 2021 un individuo, parzialmente camuffato, si introduceva all’interno degli Uffici della ASL di Via Michetti e, dopo aver eluso la sorveglianza all’ingresso della struttura sanitaria, si addentrava negli Uffici.

Un medico, nel fare rientro alla propria postazione, notava che il giovane stava trafugando nel suo Ufficio tra i cassetti della scrivania e la propria borsa. Il funzionario lo riconosceva come lo stesso giovane che in altre occasioni, con medesimo modus operandi, aveva perpetrato altri furti  all’interno di quegli uffici.

Provava a fermarlo e chiedere soccorso ma per tutta risposta veniva aggredita e spintonata dal
giovane che, divincolatosi, riusciva a guadagnare frettolosamente l’uscita facendo perdere le proprie tracce.

Sul posto interveniva una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile e della Stazione di Vasto che, raccolta la denuncia e sentiti a sommarie informazioni alcuni testimoni, acquisivano le immagini della videosorveglianza a circuito chiuso individuando il responsabile in M.Y. 42enne di Vasto, già noto agli operanti.

L’analisi dei sistemi di videosorveglianza consentiva di riconoscere con assoluta certezza il soggetto soprattutto dall’andatura semiclaudicante e dai principali connotati fisici.

Venivano raccolti ulteriori indizi a suo carico e si appurava che lo stesso, pregiudicato e già
detenuto per altra causa, stava godendo di un permesso premio da parte del Tribunale di
Sorveglianza di Pescara.

I Carabinieri redigevano informativa di reato al citato Ufficio di Sorveglianza per il ripristino
della carcerazione ed alla Procura della Repubblica di Vasto (P.M. Dott. Michele Pecoraro) che  delegava i militari operanti ad eseguire una perquisizione domiciliare alla ricerca di tracce o cose  pertinenti al reato di rapina impropria.

I militari di Vasto eseguivano la perquisizione rinvenendo e sequestrando gli indumenti indossati dall’autore nel corso della rapina caratterizzati da alcuni elementi particolari.
Contestualmente l’Ufficio di Sorveglianza di Pescara, valutati gli elementi raccolti e la non più idoneità di poter godere del permesso premio concesso, ripristinava la carcerazione.
Al termine delle formalità di rito M.Y. veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Vasto.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.