Banner Top
Banner Top

Altri no al mega centro turistico

Il coordinamento del Vastese di Sinistra Italiana chiama alla mobilitazione i vicini comuni di San Salvo e di Vasto, mentre Wwf, Lipu e Federazione nazionale Pro Natura parlano di “gravissimo attentato alla natura”. Si registrano altre prese di posizione contrarie sul progetto South Beach, un investimento miliardario che comporterebbe 5 milioni di metri cubi di cemento lungo la fascia costiera molisana, su di un’area interessata alla istituzione della riserva naturale foce del Trigno, il cui iter si è arenato in Regione dopo l’approvazione della proposta da parte del consiglio comunale di Montenero di Bisaccia.

Il progetto South Beach significa la definitiva e perenne distruzione di uno dei pochissimi tratti di costa rimasti liberi dall’urbanizzazione selvaggia”, affermano Filomena Ricci e Giuseppina Negro (Wwf), Stefano Allavena (coordinatore Lipu Abruzzo e Molise), Mauro Furlani e Piera Lisa Di Felice (Pro Natura) e Alberto Colazilli (Conalpa), “la gran parte del litorale italiano è cementificato. Il poco che si è salvato va difeso a ogni costo, in particolare dalle amministrazioni locali che hanno la fortuna di averne tratti nel proprio territorio. La presenza di questi rari ambienti litoranei rimasti indenni è fondamentale per la protezione dell’entroterra e rappresenta un prezioso volano per un turismo naturalistico di qualità, l’unico che anche in questo periodo difficile ha mostrato una chiara tendenza all’incremento”, rimarcano i rappresentanti delle associazioni

Contrario al progetto anche Sinistra Italiana del Vastese, l’unico partito che, al momento, ha deciso di prendere posizione.

Se questo progetto dovesse concretizzarsi sarebbe una mega speculazione edilizia, basata su un concetto di turismo anni Settanta, ormai superato e controproducente”, ammonisce il coordinatore Claudio Di Vincenzo, “e’ avvilente e preoccupante l’immediato chinarsi degli enti preposti: la Regione Molise e il comune di Montenero di Bisaccia. I comuni abruzzesi di Vasto e San Salvo non hanno nulla da dire? I comuni dell’entroterra abruzzese e molisano sono d’accordo? Il problema non è solo ambientale, ma anche economico, culturale e politico. Sinistra Italiana del Vastese si attiverà per evitare questo terribile scempio affinchè la regione Abruzzo batta un colpo. Chiederemo ai nostri parlamentari di presentare una interrogazione al Governo. Questo è un affare che non riguarda solo il Molise e l’Abruzzo”, conclude Di Vincenzo.

Anna Bontempo (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.