Banner Top
Banner Top

Concorso vigili a Vasto, al via le prove di guida

Dopo le prove di efficienza fisica arrivano quelle pratiche. Dovranno dimostrare di saper guidare un’autovettura ed un motociclo in dotazione alla polizia locale, i 94 candidati che hanno superato le prove fisiche svolte  dal 14 ottobre al 16 novembre 2020 negli impianti sportivi del Parco Muro delle Lame.

Il numero dei partecipanti al concorso pubblico per l’assunzione di 15 agenti di polizia locale ha subito un forte ridimensionamento. Si è passati dagli iniziali 268 agli attuali 94. Un’ulteriore “scrematura”ci sarà con le prove pratiche. Dal 15 al 30 marzo gli aspiranti fischietti, reduci  da corsa, salto in alto e  piegamenti delle braccia,  si sottoporranno a gruppi di dodici alla prova di guida che si svolgerà nel Parco Moscato che ricomprende le seguenti strade: via Idiano Andreini, largo Eugenio D’Alberto, largo Domenico Laporese e via Giuseppe Pietrocola.

I candidati dovranno tassativamente presentare, all’atto dell’ingresso nell’area concorsuale, un referto relativo al test antigenico rapido o molecolare , effettuato mediante tampone  oro/faringeo. Solo chi riuscirà a superare il test  – che comporta solo un giudizio di idoneità – potrà partecipare alle fasi successive della selezione.

Le modalità di esecuzione e il percorso saranno stabiliti  dalla Commissione esaminatrice presieduta dal dirigente Vincenzo Toma.

Nel frattempo il concorso che continua a suscitare polemiche. Per Vincenzo Suriani, presidente della Commissione di vigilanza  “la convocazione dei candidati per le prove di guida, data la attuale situazione pandemica, appare gravissima. Verranno fatte affluire a Vasto, che ha appena recuperato il suo status di zona arancione, decine di persone provenienti da altre regioni e da altre zone, anche rosse”, insiste l’esponente di Fratelli d’Italia, “in più  appare evidente che la Commissione ha preso alcuni abbagli nell’interpretazione delle norme di sicurezza e dei vari Dpcm. Anche la prima lettura dei protocolli di sicurezza proposti solleva grandi dubbi, che verificheremo in seguito. A breve, insieme ai rappresentanti delle altre forze di minoranza, vedremo quali provvedimenti prendere di fronte a questo ennesimo atto di prevaricazione e di spregio della salute pubblica messo in essere dalla giunta. Come si fa a pensare di convocare persone da tutta Italia mentre gli spostamenti tra le regioni sono vietati e gli ospedali della zona sono sovraccarichi di ricoverati per Covid?”, conclude Suriani.

Anna Bontempo (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.