Banner Top
Banner Top

Tangenti al Cimitero, in 4 vogliono patteggiare

Sono 17 le persone indagate sulle presunte tangenti al cimitero di Vasto nell’ambito dell’operazione “Eterno Riposo”. Ieri quattro di loro hanno chiesto ieri il patteggiamento della pena. Due di loro , A.R. 65 anni , e F.D. 60 anni sono dipendenti comunali, altri due sono cittadini. Un altro dipendenti comunale L.L. 46 anni e 12 cittadini, optano invece per il rito ordinario e attendono le decisioni del gup Fabrizio Pasquale che dovrà pronunciarsi sulla richiesta di rinvio a giudizio fatta dal procuratore Giampiero Di Florio.

L’udienza di ieri mattina è stata rinviata al 15 aprile non potendo essere in aula un legale proveniente da una zona rossa.

L’inchiesta partì tre anni fa e gli investigatori iniziarono ad indagare dopo alcune segnalazioni arrivate in comune per smantellare una presunta gestione parallela del cimitero. Dopo appostamenti, confronti e interrogatori scattò l’arresto per il custode, il necroforo e un operaio, tutti e tre dipendenti comunali e che sono ritenuti dalla Procura responsabili della illecita gestione parallela dei servizi cimiteriali.

I tre ex dipendenti comunali finiti nei guai e difesi dagli avvocati Antonello Cerella, Massimiliano Baccalà e Alessandro Orlando, hanno sempre negato di avere preteso o indotto i cittadini a versare denaro per tumulazioni, esumazioni e trasferimento delle salme.

Di parere opposto è il procuratore Giampiero Di Florio a detta del quale gli accusati avrebbero lucrato, acquisendo la disponibilità dei loculi attraverso attività cimiteriali irregolari.

I tre dipendenti, stando a quanto riportato nel lungo e dettagliato capo d’accusa, avrebbero chiesto da 150 a 700 euro per ridurre in urne cinerarie le salme anche quando lo stato degenerativo non lo consentiva.

Nelle successive intercettazioni telefoniche i 14 cittadini ascoltati dalla polizia mentre parlavano con gli arrestati, avrebbero descritto comportamenti discutibili. Dodici fra loro negano gli addebiti. Non ci stanno a passare per profittatori che cercavano di pagare i favori. Due invece ha chiesto il patteggiamento.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.