Banner Top
Banner Top

Del Viscio e Benedetti: “Patrick Zaki diventi cittadino onorario di Vasto”

Ricorreranno a breve, il 7 febbraio 2021, i 12 mesi di detenzione preventiva di Patrick Zaki. Mesi di prigionia ingiustificata, per un ragazzo asmatico che si trova nel carcere di Tora in Egitto, dove una guardia carceraria è già morta di Covid-19 e come denunciato da Amnesty International c’è il pericolo che il virus si diffonda. Qualche giorno fa, con l’udienza prevista per il 17 gennaio, la detenzione preventiva è stata rinnovata per l’ennesima volta.

Patrick non è italiano ma è come se lo fosse. La suavita, prima dell’arresto, era qui insieme ai suoi affetti e ai suoi studi. E così dovrebbe essere riconosciuto, almeno simbolicamente. Per questo oggi abbiamo inviato alle forze di maggioranza del Consiglio Comunale di Vasto una mozione per chiedere che il Comune conferisca a Zaki la cittadinanza onoraria, esprima solidarietà all’Università di Bologna e Granada e si impegni a continuare a chiedere nelle sedi istituzionali il suo rilascio.

Amr Abdelwahab, uno degli amici di Patrick che più si sta spendendo per la sua liberazione, ha scritto: «La paura più grande per una persona in carcere è quella di essere dimenticata».

Per questo le Istituzioni hanno la responsabilità di tenere alta l’attenzione per alimentare la speranza.

Il conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki sia un presidio di libertà non solo per lui ma per tutte e tutti, e per ogni diritto calpestato.

Francesco del Viscio Articolo Uno Vast

oAndrea Benedetti Possibile Vasto

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.