Banner Top
Banner Top

Molesta la commessa per settimane con frasi e gemiti a sfondo sessuale, denunciato dai Carabinieri

Ha vissuto una settimana da incubo, quasi come nel film “Scary Movie”, una 25enne commessa di un paese del litorale adriatico, tanto da rivolgersi alla locale stazione carabinieri in preda al panico.

Si trova al lavoro una mattina, quando rispondendo al telefono del negozio, sente dall’altro capo del telefono un uomo che respira affannosamente, ansima simulando un amplesso e arriva a farle alcune proposte decisamente oscene. La ragazza riattacca immediatamente pensando ad uno scherzo di cattivo gusto. Il giorno dopo però, l’interlocutore si fa più audace e, oltre ai soliti rantoli, si spinge fino a farle un pesante complimento sul suo fondoschiena: la commessa capisce che l’uomo in qualche modo l’ha già vista e quindi si spaventa, chiede chi sia, ma lo sconosciuto per rivelare la propria identità, le chiede in modo piuttosto volgare, un rapporto sessuale. La storia si ripete per circa una settimana fino a quando l’ardito “corteggiatore”si spinge ben oltre: la ragazza si intimorisce a tal punto di rivolgersi ai carabinieri.

I militari scoprono che l’autore delle telefonate, effettuate tutte da un cellulare a lui intestato, è un 40enne del luogo, tra l’altro non nuovo ad episodi del genere.  Ora dovrà vedersela con la Procura della Repubblica di Chieti per il reato, continuato, di molestia a mezzo telefono.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.