Banner Top
Banner Top

Vasto, il centrodestra: “Discariche a cielo aperto a Punta Penna: Cianci, Menna e l’amore per l’ambiente” 

Una nuova puntata della serie  “Cianci e Menna amanti dell’ambiente” è stata girata questa notte nei pressi della zona industriale di punta penna. La trama è sempre la stessa e riguarda l’ambientalismo “sinistro” dell’amministrazione comunale, quella che abbatte i pini nel quartiere San Paolo  e tollera numerose “piccole” discariche sparse qua e là sul territorio comunale e che continua a disinteressarsi della discarica a cielo aperto, situata nei pressi della zona industriale di Punta Penna.
Dopo oltre due anni dalla nostra prima segnalazione e le “promesse da marinaio” dell’amministrazione Menna, la situazione è inesorabilmente degenerata. Le foto e i video del 20 novembre dimostrano in maniera inequivocabile  che, a ridosso di importanti aziende tuttora operative, esiste una vera e propria discarica a cielo aperto che richiama ratti, cinghiali e animali selvatici di tutte le specie che si nutrono dei rifiuti abbandonati sul sito.
Il “deposito”, che in realtà sarebbe  destinato alla sola raccolta di cassette in polistirolo, è ormai invaso da rifiuti di ogni tipo e di provenienza incerta, gettati da chi pensa di trovarsi di fronte ad un immondezzaio. L’aria nei pressi della discarica abusiva è irrespirabile e l’immagine che si presenta al cospetto di chi passa nelle vicinanze è raccapricciante. La causa di tale situazione deve essere ricercata nella mancanza di vigilanza del sito e nella mancata raccolta  dei rifiuti evidentemente effettuata a frequenze inadeguate.
Il rimedio, semplice, più volte segnalato, consiste nell’aumento dei turni di raccolta e nella vigilanza costante  del sito attraverso l’utilizzo di fototrappole e video sorveglianza. L’istallazione delle “foto trappole”, che per il Comune di Vasto sono ancora un “oggetto misterioso”, oltre a fungere da deterrente, consentirebbe alle forze dell’ordine di sanzionare gli Incivili. Non è possibile che i cittadini, i commercianti di pesce e le aziende che si trovano a ridosso del sito debbano tollerare ulteriormente questo disservizio, nonostante i pesanti tributi che versano nelle casse comunali.
In attesa della realizzazione dell’isola ecologica di “Peter Pan”, promessa prima da Lapenna e poi da Cianci e Menna, l’amministrazione comunale risolva almeno questo “banale” problema che ha dimostrato, ancora una volta, tutta l’incapacità dell’esecutivo cittadino buono solo a fare proclami, premiazioni, videomessaggi, selfie, sperperare denaro pubblico, abbattere pini e alienare il patrimonio comunale.
Francesco Prospero (Fratelli d’Italia)
Vincenzo Suriani (Fratelli d’Italia)
Guido Giangiacomo (Forza Italia)
Alessandro d’Elisa (Gruppo Misto)
Edmondo Laudazi (Il nuovo faro)
Alessandra Cappa (Lega)
Davide D’Alessandro (Lega)
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.